Nuovo PDCA tra Cuba e UE

132

di Maddalena Ingrao UNIONE EUROPEA – Bruxelles 24/09/2016. La Commissione europea ha proposto formalmente che gli stati membri appoggino un nuovo accordo di dialogo politico e di cooperazione (Political Dialogue and Cooperation Agreement, Pdca) con Cuba e che venga abrogata le restrizioni sull’isola caraibica. La posizione Ue che ha disciplinato le sue relazioni con Cuba dal 1996, collegandola al tema dei diritti umani. L’Alto rappresentante dell’Ue per gli affari esteri e la politica di sicurezza , Federica Mogherini, nonché vice-Presidente della Commissione, ha inviato due proposte al Consiglio dell’Ue: uno per sostenere il nuovo accordo e una parallela di abrogare la vecchia posizione comune. Le autorità cubane avevano sempre sperato nell’abrogazione delle restrizioni Ue per avviare una nuova relazione meno restrittiva tra l’isola caraibica e l’Ue. L’Unione europea e Cuba hanno avviato i negoziati sull’accordo, nell’aprile 2014. La Commissione ha detto che l’accordo ha aperto «nuove strade per sostenere il processo di modernizzazione economica e sociale di Cuba, per promuovere lo sviluppo sostenibile, la democrazia e i diritti umani, nonché cercare soluzioni comuni alle sfide globali». L’adozione di due decisioni del Consiglio e l’attuazione del Pdca costituirebbe un punto di svolta nelle relazioni Ue-Cuba: «L’accordo bilaterale tra l’Ue e Cuba è il risultato di un lavoro proficuo e costruttivo che l’Ue e Cuba hanno fatto insieme, e segna il punto di svolta nelle nostre relazioni», ha detto Mogherini.