Nuovo attentato suicida a Peshawar

37

PAKISTAN – Peshawar. Almeno quattro persone sono state uccise e più di 30 ferite, per a maggior parte poliziotti, avvocati e un giudice, il 18 marzo, quando due attentatori suicidi hanno attaccato un tribunale di Peshawar, capitale della provincia Khyber Pakhtunkhwa, nella parte nord-occidentale del Pakistan. 

Secondo fonti di stampa locali e fonti ufficiali, l’incidente è avvenuto intorno alle 12:20 (ora locale), quando due attentatori suicidi hanno preso d’assalto il complesso giudiziario situato nel centro della città di Peshawar. Il capo della polizia della città, Imtiaz Altaf, ha detto, in conferenza stampa,  che i due assalitori hanno raggiunto il complesso da diversi lati, uno di loro è riuscito a entrare in un’aula, lanciare una bomba a mano contro il giudice prima di far detonare il suo giubbotto esplosivo nell’aula. Stando ai testimoni oculari, circa 45 persone erano presenti nell’aula quando l’attacco ha avuto luogo. Dopo il primo attacco  l’attacco, il secondo attentatore si è lanciato in un’altra aula, ma la polizia lo ha ucciso prima di farsi saltare in aria. I media locali hanno riportato che l’attacco ha avuto luogo nell’aula, dove alcuni detenuti, appartenenti a un gruppo terroristico erano a giudizio. Il capo della polizia ha anche confermato gli oltre 30 i feriti, aggiungendo che molti dei feriti sono in condizioni critiche. Le forze di sicurezza pachistane hanno circondato la zona e hanno lanciato un’operazione di ricerca per stanare altri terroristi nascosti nel complesso giudiziario. Nessun gruppo ha rivendicato ancora l’attacco.