NUOVA VIA DELLA SETA. Tra trappole del debito e febbre economica: 4 casi da manuale

108

Alcune economie emergenti sono state messe sotto ulteriore pressione proprio a causa della pandemia. Quattro paesi sono stati identificati nel 2018 come i più a rischio di sofferenza del debito a causa degli enormi prestiti che hanno contratto per partecipare alla Belt and Road Initiative: Kirghizistan, Mongolia, Montenegro e Tagikistan.

Se in una prima fase molti governi hanno accolto con favore i miliardi di dollari cinesi, soprattutto durante e subito dopo la Grande Recessione, le relazioni con alcuni si sono poi inasprite. Il peggioramento delle relazioni è in parte una conseguenza di accordi che sono crollati o di progetti che sono progrediti troppo lentamente, nel contesto della competizione sino-americana nella regione. La Cina sta rapidamente sostituendo la Russia come spauracchio geopolitico statunitense.

La dislocazione economica causata dal blocco delle catene di approvvigionamento ha messo ulteriore pressione sulle economie globali, specialmente su quelle più fragili e già sofferenti. Un altro problema con il debito cinese è che i contratti di prestito in genere hanno clausole di segretezza rigorose, e resta sempre presente quella che viene chiamata “trappola del debito”.

Ad esempio il Kirghizistan deve 1,8 miliardi di dollari alla Cina, che è più del 40% del suo debito estero totale, stimato a 4,8-5 miliardi di dollari. Quando la crisi pandemica ha colpito il paese, Bishkek ha chiesto a Pechino una riduzione del debito già nell’aprile 2020, dopo aver contratto prestiti per progetti legati alla Bri. Nel novembre 2020, la Cina ha permesso il rinvio di 35 milioni di dollari fino al 2022-24 a un tasso di interesse del 2%. All’inizio dell’anno, il Kirghizistan ha ottenuto un accordo del Club di Parigi per ritardare il pagamento di 11 milioni di dollari di debito. Ad oggi ci sono dubbi forti sulla possibilità di pagare 88 milioni di dollari di debito alla Cina quest’anno per la ricostruzione finanziata dalla Cina della centrale elettrica di Bishkek; l’accoglienza fredda della Cina per la nuova leadership ritenuta populista fa temere che non ci sarà nessuna dilazione, riporta bneIntellinews.

Per la Mongolia, nel 2017, il Fmi ha approvato un pacchetto di salvataggio di 5,5 miliardi di dollari che includeva un’estensione di tre anni di un accordo di swap di 15 miliardi di renmimbi con la Banca Popolare Cinese. Tre anni dopo, all’inizio della pandemia, la Mongolia era considerata molto vulnerabile in quanto economia dipendente dalle risorse, le cui catene di approvvigionamento e i mercati erano stati interrotti. Ulan Bator ha ricevuto più di 500 milioni di dollari di aiuti per il Covid-19 nel 2020, di cui 326 milioni di dollari tramite prestiti esteri e il suo debito pubblico è al 70% del Pil.

Nel complesso, il paese ha superato la pandemia meglio del previsto, e non è scivolato verso il default.

Diverso è il caso del Montenegro. Podgorica ha originariamente cercato finanziamenti per l’autostrada Bar-Boljare che attraverserà il paese dal porto adriatico di Bar al confine serbo da una serie di finanziatori internazionali. L’autostrada sostituirà il percorso esistente molto montagnoso che ha un alto livello di incidenti e vittime. Podgorica ha finalmente ottenuto un prestito dalla Banca cinese Exim per coprire l’85% del costo del progetto. Il governo ha firmato l’accordo di prestito di 944 milioni di dollari con la Exim Bank nel 2014, e ha iniziato a prelevare i fondi nel 2015. Cinque anni dopo, il Montenegro ha subito la peggiore contrazione economica in tutta l’Europa emergente, il debito è arrivato al 104,8% del Pil, secondo una stima della Banca Mondiale.

All’inizio di quest’anno, il Montenegro stava lottando per ripagare la prima rata del prestito e ha fatto appello all’Ue per un aiuto; a luglio, il governo ha firmato un accordo per coprire il suo debito con la Exim Bank, permettendole di abbassare il tasso di interesse sul prestito allo 0,88% in euro dal 2% in dollari. Ha rimborsato la rata più tardi lo stesso mese. Con la pandemia, il Montenegro è stato costretto ad aumentare ancora le spese nel 2020; nel 2021, la spesa è diminuita e il paese ha riportato il suo più grande surplus di bilancio di sempre a luglio.

Nel 2011, quando il Tagikistan non era in grado di ripagare un debito alla Cina, Dushanbe ha accettato di consegnare 1.158 chilometri quadrati di terra contesa nel paese dell’Asia centrale (pari allo 0,7% del suo territorio) in cambio di una cancellazione del debito. Mentre le banche cinesi controllate dallo stato si sono imbarcate in una serie di prestiti per i progetti della Bri, questo accordo ha alimentato le preoccupazioni sulla possibilità che la Cina usi la sua posizione di creditore per prendere potenzialmente terra e beni dai mutuatari in difficoltà.

Nel 2020, il Tagikistan è stato uno dei paesi a basso reddito autorizzati dai ministri delle Finanze e dai capi delle banche centrali dei paesi del G20 a sospendere temporaneamente il servizio del debito durante la pandemia. Nonostante questo, durante la pandemia, il governo ha firmato cinque nuovi progetti di prestito per 459,5 milioni di dollari, e prevede di richiedere prestiti per 562 milioni di dollari da partner internazionali quest’anno.

Graziella Giangiulio