Uccisi dalla polizia nigeriana i tre dei figli dello sceicco Zakzaky

82

NIGERIA – Zaira. 28/07/14. L’Agenzia di stampa Fana News, ha citato la testimonianza del leader della Nigeria sciiti, lo sceicco Ibrahim Zakzaky del Movimento islamico della Nigeria, i cui tre figli sono stati uccisi dalle truppe nigeriane in Zaria venerdì durante una processione. 

«Eravamo senza armi durante il corteo, e ci hanno sparato dopo che abbiamo finito il nostro corteo, il mondo intero conosce la nostra storia, non abbiamo mai usato le armi. Stiamo aspettando le bugie che vi diranno» ha riferito lo sceicco, che è un feroce critico di Boko Haram. Lo ha dichiarato in un’intervista con il Sahara Reportes.

«Eravamo impotenti mentre i soldati ci hanno sparato; subalpini, donne e anche gli anziani nella nostra processione. Questa processione in molte parti del paese, ha luogo da quarant’anni, e non è successo mai niente».

Zakzaky i cui tre figli sono stati uccisi dall’esercito durante i rally internazionali Quds Day a Zaira venerdì scorso, ha aggiunto, «Hanno sparato ai nostri fratelli e sorelle; mio figlio Mahmud, che proveniva da una università di Beirut, è stato girato a pancia in giù ed è morto sulla strada per l’ospedale. Sono tornati e hanno arrestato tre dei miei figli vivi e uccisi due mentre erano sotto la custodia della polizia nigeriana», «hanno preso Ahmad, Hameed Ali; Ahmad e Hameed sono studenti di ingegneria chimica in Cina. Il mio quarto figlio, Ali, aveva una ferita da pistola che ha confermato che i soldati hanno ucciso i suoi due fratelli, ed erano stati tutti arrestati vivi». Secondo Sahara Reportes, l’azione dei soldati è stato premeditata e l’incidenza era chiaramente un omicidio extragiudiziale. «Se si accusa qualcuno di aver commesso un reato, è necessario effettuare un’accusa secondo la legge del paese, ma perché uccidere la gente impunemente? Anche se si dice che abbiamo violato la legge, allora si deve cercare il leader e lo provate in un tribunale. Che cosa abbiamo fatto?» «Il mio appello a tutti i nostri fratelli e sorelle di stare calmi e presto affronterò la stampa chiedendo giustizia», ha concluso.