NIGERIA. Daesh scardina un altro carcere e libera i capi ISWAP

110

Lo scorso 5 luglio è stato attaccato un carcere nigeriano da parte degli uomini di Iswap, cioè della provincia occidentale dello Stato islamico.

Nell’attacco dei terroristi Daesh al carcere di Kuje alla periferia della capitale nigeriana Abuja, centinaia di prigionieri, tra cui militanti e comandanti jihadisti, sono fuggiti. Il presidente Muhammadu Buhari ha espresso pubblicamente la sua delusione per le mancanze dei servizi di intelligence del Paese.

Va ricordato che le evasioni carcerarie sono state una parte importante della strategia Daesh dal 2012-13, come parte della intensificata campagna di Breaking the Walls. Basti ricordare l’episodio avvenuto nella Repubblica Democratica del Congo nel 2020, in Siria con l’attacco al complesso carcerario Es-Synaa di Hasek, nel gennaio 2022, e altri episodi. Nel giugno 2022, alla vigilia dell’attacco alla prigione di Abuja, ad aprile l’Iswap ha risposto all’appello del portavoce dell’IS Abu Umar al-Muhajir per pubblicare un video di 39 minuti sul rilascio dei prigionieri.

Ci sono tutte le caratteristiche per avere un ottimo successo propagandistico: un attacco alla vigilia della festa del sacrificio di Eid al-Adha, seguito dal rilascio di un video report dei militanti liberati. Non direttamente, ma il ruolo accresciuto dell’Africa per Daesh ha effetto, con le chiamate dirette all’azione inserite nel settimanale An-Naba, per invitare all’Egira i militanti nel Continente Nero e costruirvi un califfato.

L’attacco può essere interpretato anche come parte dell’espansione di Iswap oltre gli stati nordorientali, principalmente Borno, e coincide con l’attivazione delle cellule Iswap a Kogi, Niger (regione centro-settentrionale) e Taraba (nordest), oltre che a Soulej (vicino alla capitale); l’attacco stesso è coinciso con un pesante attacco al convoglio presidenziale a Katsina. Segnali di una riorganizzazione delle forze del gruppo dopo un periodo di doppia pressione da parte delle forze armate nigeriane e della fazione ostile Iswap di Boko Haram-Bakura, nonché sullo sfondo del rafforzamento dei legami del suo rivale – Ansaru – con al-Qaeda nel Maghreb islamico, nonché il rafforzamento della presenza di Ansaru negli stati nord-occidentali e centro-settentrionali.

Nessuno ha dubbi sulla professionalizzazione dell’Iswap, ma l’attacco è stato pianificato ed eseguito ad alto livello – è stato portato avanti da tre gruppi di militanti, uno dei quali ha bloccato le strade di accesso, facendo esplodere 8 bombe. L’operazione è durata 50 minuti (la prima esplosione è avvenuta alle 22:05, tutto era finito per le 23:00), di cui i militanti hanno trascorso 15 minuti a predicare in Hausa, Fulfulde ed Ebira, una lingua dello stato di Kogi, incomprensibile per la maggior parte dei prigionieri. Allo stesso tempo, gli islamisti incarcerati sono stati separati dagli altri, che (inclusi i cristiani) sono stati lasciati a se stessi. Non sembra quindi che i mujahidin Iswap volessero specificamente uccidere i prigionieri cristiani.

È vero, coloro che si coprivano la testa e gridavano “Allahu Akbar!” insieme a tutti gli altri erano chiaramente pronti per un attacco e, molto probabilmente, erano stati avvertiti dai loro compagni di cella musulmani. Vale la pena notare che alla vigilia di Eid al-Adha, grandi flussi di persone, per lo più lavoratori, tornano ai loro villaggi nativi e semplicemente non c’è momento migliore per perdersi tra la folla sulle strade.

Venendo alla struttura attaccata e al fallimento dei servizi di sicurezza, va detto che la prigione è progettata per 650 persone, ma vi sono state trattenute 994-1007 persone, il che ha ridotto la sua gestibilità complessiva. Poi, sono state individuate numerose altre violazioni. Quindi, post factum si è scoperto che la strada di accesso era invasa da alberi e arbusti, i muri del perimetro esterno non erano abbastanza alti, la sicurezza era insufficiente.

Infine chi erano i prigionieri ospitati Kuja? Naturalmente, c’erano molti militanti Daesh e i loro comandanti; è una prigione di massima sicurezza. Se è vero che i prigionieri Daesh più di alto profilo sono tenuti alla Yellow House, di Kirikiri, in un rigido regime carcerario, a Kuja c’erano anche molti membri del vecchio Boko Haram, il gruppo “antenato” di Iswap. Daesh, attraverso A’Maq, ha però annunciato il rilascio di dozzine di prigionieri che erano stati detenuti lì per 10 anni; di conseguenza, stiamo parlando di militanti Jas, cioè, in realtà, il vecchio Boko Haram di Abubakar Shekau.

Graziella Giangiulio