Catturato il capo di Boko Haram

64

NIGERIA – Abuja 20/09/2014. L’intelligence nigeriana ha annunciato di aver catturato il capo di Boko Haram il 18 settembre nel corso di una battaglia per il controllo della città di Konduga nello stato di Borno.

Il Maggiore Generale Chris Olukolade, direttore della Defence Information della Nigeria (Ddi), l’intelligence del paese, ha detto che «seriamente ferito, il leader terrorista di alto rango viene curato in una struttura medica militare, dopo essere stato catturato nelle operazioni a Konduga».
Konduga è una posizione strategica, data la sua vicinanza a Maiduguri, la capitale dello stato di Borno, bersaglio di Boko Haram nei suoi sforzi per creare un Califfato islamico in Nigeria.
Questa notizia coincide con le rassicurazioni del presidente nigeriano Goodluck Jonathan, fatte nello stesso giorno, che entro un mese, la sfida di Boko Haram sarebbe stata ridotta drasticamente.
Nel frattempo, il vescovo cattolico di Maiduguri, Oliver Dashe Doeme, ha detto che il numero delle città prese da Boko Haram nella parte nord-est della Nigeria è ormai arrivato a 25.
In un comunicato, il vescovo Doeme ha detto che: «Migliaia di persone vivono nelle grotte sulle montagne, nella foresta; i pochi che sono riusciti a fuggire vengono assistiti da amici a Maiduguri, Mubi e Yola. Migliaia sono riusciti a fuggire in Camerun e vivono in una condizione molto difficile».
Secondo i rapporti provenienti dal Regno Unito, la strategia di Boko Haram di occupare i territori conquistati rappresenterebbe un cambiamento significativo dalla sua precedente prassi di uccidere e andare avanti. Questo cambiamento strategico è legato all’alleanza confermata tra Boko Haram e Isis.