Nigeria: nuovo agguato di Boko Haram

55

NIGERIA – Abuja 02/09/2013. Circa 24 membri della JtfCivils, gruppo che affianca la Joint task force  dell’esercito (Jtf) che ha lo scopo di stanare i membri della setta islamista nigeriana Boko Haram, sono stati uccisi ucciso in un agguato la sera del 30 agosto in un agguato rivendicato dail gruppo islamista nella regione di Borno, nel nord del paese, hanno riportato i media locali il primo settembre.

Per la stampa nigeriana altri 36 membri del gruppo chiamato JtfCivils sono scomparsi dopo l’agguato nella città di Monguno, circa 160 chilometri da Maiduguri, la capitale dello regione. «Il gruppo di circa 100 giovani era in missione per catturare i terroristi di Boko Haram nel loro accampamento vicino ai villaggi di Kaleri, Shuwari, Maganari e Nannaans, quando sono caduti in un agguato in cui ne sono morti 24 morti e circa 36 sono dispersi», secondo il quotidiano locale , Thisday. La Jtf aveva avvertito il gruppo di giovani di non andare a caccia di terroristi senza una scorta militare, perché avrebbero subìto ritorsioni e perdite. Ma, dopo aver atteso invano il 30 agosto la scorta militare, il gruppo ha deciso di iniziare l’operazione. Riporta Thisday che «I membri di Boko Haram indossavano uniformi dell’esercito regolare e avevano tre veicoli militari con loro. Questo fatto ha ingannato il gruppo di JtfCivils che hanno creduto in un attacco già iniziato contro i campi dei terroristi che hanno aperto il fuoco durante l’avvicinamento, uccidendone 15 e schiacciandone con i veicoli altri nove». JtfCivils è nato dopo lo stato di emergenza dichiarato nel maggio 2013 dal Presidente Jonathan nelle tre aree più colpite dalle violenze di Boko Haram, assieme ad un massiccio dispiegamento di truppe. Boko Haram, che nella lingua locale Hausa significa “l’educazione occidentale è un sacrilegio”, ha ucciso più di 3.000 persone in attacchi armati e bombardamenti dal 2009, anno in cui è iniziata la sua campagna di attacco.

Scopo di Boko Haram è stabilire uno stato islamico in un paese laico di 167 milioni di abitanti, come la Nigeria.