Modi corteggia il Nepal

53

INDIA – Kathmandu. 17/08/14. L’agenzia di stampa cinese xinhuanet.com ha pubblicato una notizia secondo cui nonostante i regali al Nepal da parte di Narendra Modi, premier indiano non si sbloccano gli accordi commerciali.

Il prestito agevolato è stato elargito durante la due giorni (3-5) agosto ed è del valore di un miliardo di dollari (prestato dagli USA) sta per essere utilizzato per sviluppare progetti infrastrutturali ed energetici per superare il collo di imbuto dei distretti rurali in Nepal. Il primo ministro indiano, nella due giorni aveva due obiettivi: l’Accordo sull’alimentazione (PTA) e l’accordo dello sviluppo energetico (PDA) con il Nepal che ha risorse idriche abbondanti.
Ma il premier indiano è rientrato a Nuova Delhi senza aver incassato il successo. Segno che gli attriti tra i due paesi non sono ancora superati.
I rapporti sono tesi da oltre vent’anni. L’India ha trattato il Nepal sempre come un Paese di poca importanza. Durante il terzo incontro del Nepal-India Commissione mista che si è svolto dal 25-27 Luglio a Kathmandu. In cui l’India ancora una volta ha trattato il Nepal come un fratello minore. Non vi erano politici di spicco al summit. La visita di Modi in Nepal è la prima, di un primo ministro dopo 17 anni. L’amministrazione Modi, sta cercando di recuperare il tempo perso. Il ministro per gli Affari Esteri Ministro Swaraj, oltre a partecipare alle riunioni bilateri con il Nepal, ha ribadito che andrà nuovamente all’Associazione SAARC South Asian 18 ° per la cooperazione regionale (SAARC) a novembre. Modi dagli inizi di agosto ha fatto una serie di discorsi in cui “tratta” il Nepal come paese alla pari, e ha promesso di non interferire sulla politica interna del Paese. Modi ha mostrato il suo interesse per unire tutti i partiti politici a ridefinire le relazioni bilaterali tradizionali. Sostenendo che il Nepal può diventare il principale esportatore di erbe medicinali e che questo bellissimo paese può diventare una nazione sviluppata e il Nepal può raggiungere i suoi sogni, Modi ha cercato di accendere l’entusiasmo della gente nepalese a lottare per un futuro migliore. «Mi hanno fatto sentire come se fossi a casa», ha detto Modi in una dichiarazione di rientro dal Nepal. Non solo il primo ministro indiano ha detto che l’India non può imporre la sua volontà. La velocità, la profondità e l’ampiezza del miglioramento e lo sviluppo dei legami bilaterali dipendono dal Nepal che è ancora impantanato nella palude politica che attende una riforma radicale. In secondo luogo, il rinvio degli accordi idroelettrici ostacola il sogno dell’India di essere l’investitore dominante delle risorse idriche e l’unico acquirente di energia idroelettrica in Nepal. L’India deve fare di più i compiti a casa per realizzare una vera cooperazione win-win con il Nepal. In caso contrario, vincerà il sentimento anti-India.
«È una fortuna che Modi, che è considerato come un uomo d’azione dai media indiani, ha almeno quattro anni per soddisfare la sua ambizione di aprire un nuovo capitolo nelle relazioni Nepal-India. In questo senso, il valore del suo viaggio inaugurale Nepal come primo ministro vale più di miliardo dollari». Chiosa l’agenzia di stampa.