NATO. Diminuisce la popolarità nell’Europa Sudorientale

53

La percentuale di cittadini dell’Europa Sud Orientale che sostengono l’adesione alla Nato è diminuita drasticamente in diversi membri dell’Alleanza dell’Europa sudorientale, con meno della metà dei montenegrini che affermano che voterebbero per restare se avessero la possibilità di uscire dalla Nato.

Complessivamente, riporta BneIntelliNEws, secondo l’ultimo sondaggio annuale tra i membri della Nato, il 66% dei cittadini degli Stati membri voterebbe per restare nell’Alleanza, rispetto al 61% nel 2022.

Tuttavia, il sostegno in diversi Stati membri dell’Europa sudorientale sta diminuendo ed è ben al di sotto di tale livello. Il più basso è in Montenegro, che ha aderito nel 2017, con appena il 46%, in calo rispetto al 56% del 2022.

Il sostegno all’adesione alla Nato è inferiore alla media anche in Slovenia (52% contro 56%), Bulgaria (56% contro 57%) e Macedonia del Nord. D’altro canto, il sostegno all’adesione all’Alleanza tra i croati è stato del 72% nel 2023 contro il 67% nel 2022. In Romania, l’82% voterebbe per rimanere nella Nato contro il 76% nel 2022.

Gli albanesi erano i più impegnati a favore dell’adesione alla Nato; in Albania il 100% degli intervistati vuole restare nell’Alleanza, in aumento rispetto al 92% nel 2022).

La maggior parte dei paesi dell’area ritiene che l’alleanza transatlantica sia importante per affrontare le sfide alla sicurezza. La media per tutti gli Stati membri della Nato è dell’82%. Tra i paesi dell’europasudorientale, l’Albania guida la classifica globale con il 93% che sostiene tale affermazione (contro l’86% nel 2022). In Romania, l’87% delle persone è d’accordo, in leggero calo rispetto all’88% nel 2022.

Segue la Croazia con l’84% nel 2023 rispetto all’81% nel 2022. Nella Macedonia del Nord, il 77% delle persone ritiene che l’adesione alla Nato sia importante per la propria sicurezza (rispetto all’82% nel 2022). Segue la Slovenia con il 72% (in calo rispetto al 71% nel 2022), mentre in Bulgaria il 70% delle persone vede nell’adesione alla Nato una garanzia per la propria sicurezza (in aumento rispetto al 67% nel 2022). La percentuale più bassa di persone che credono che l’adesione alla Nato li aiuterà ad affrontare le questioni di sicurezza si trova in Montenegro: il 41% nel 2023 contro il 49% nel 2022.

Anche i membri della Nato dell’Europa sud-orientale hanno opinioni contrastanti sull’opportunità che i loro paesi debbano spendere di più per la difesa, come ha dimostrato l’indagine annuale dell’alleanza. I paesi della regione sono tra i membri più poveri della Nato.

La percentuale complessiva di cittadini di tutti gli Stati membri della Nato a favore di una maggiore spesa per la difesa è stata del 77% nel 2023, rispetto al 74% dell’anno precedente.

Nel 2023, i bulgari sono rimasti i più entusiasti sull’aumento della spesa, con il 58% degli intervistati che ritiene che il paese dovrebbe spendere di più (rispetto al 52% nel 2022). Segue l’Albania (quarta nella classifica generale) con il 50% contro appena il 9% nel 2022, poi la Romania con il 44% (40% un anno prima), seguita dal Montenegro con il 39% (rispetto al 12% nel 2022), Macedonia del Nord (34% contro 31% nel 2022), Croazia (30% nel 2023). contro il 28% nel 2022) e la Slovenia (24% nel 2023 contro il 22% nel 2022).

Anche se la stragrande maggioranza delle persone concorda sul fatto che il proprio Paese dovrebbe essere difeso da altri membri della Nato in caso di attacco, 73% a livello globale, la percentuale di coloro che credono che il proprio Paese dovrebbe difendere un altro membro della Nato è molto più bassa: 61% a livello globale.

Il 98% degli albanesi ritiene che dovrebbero essere difesi dalla NATO (contro il 99% nel 2022), seguiti dai rumeni (80% nel 2023 contro 82% nel 2022), croati (70% nel 2023 contro 76% nel 2022), Macedonia del Nord (69% contro 66% un anno prima), Bulgaria (68% nel 2023, invariato a/a), Slovenia (65% nel 2023 contro 71% nel 2022) e Montenegro (58% contro 54% un anno prima).

Al contrario, gli Stati membri dell’Europa sudorientale sono molto meno propensi a voler difendere un altro membro della Nato. L’Albania è ancora in testa con il 94% contro 96% nel 2022, seguita da Romania (63% contro 74%), Croazia (49% contro 63%), Macedonia del Nord (48% contro 54%), Slovenia (48% contro 59%), Bulgaria (42% contro 51%) e Montenegro (33% contro 52%).

Nei paesi Nato, la percentuale generale indicante la minore probabilità di un attacco da un altro paese è rimasta invariata nel 2023, al 61%; nell’Europa sudorientale, l’Albania è ancora in testa, con l’89%, in calo rispetto al 92% del 2022, seguita da Romania (75% contro 76%), Croazia (68% contro 67%), Macedonia del Nord (64% contro 57%), Bulgaria ( 59% contro 57%), Slovenia (46% contro 56%) e Montenegro (46% contro 55%).

Anna Lotti

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/