NAGORNO KARABAKH. Putin difende l’accordo di pace

49

Il presidente Vladimir Putin ha difeso il cessate il fuoco, mediato dai russi, nella guerra tra Armenia e Azerbaigian, affermando che sarebbe stato “suicida” per Yerevan tirarsi indietro nonostante le pesanti critiche alla tregua. Ci sono state proteste in Armenia e richieste di dimissioni del primo Ministro Nikol Pashinyan avvenuto nel corso della settimana dall’accordo, che ha permesso all’Azerbaigian di consolidare importanti guadagni territoriali dopo diverse settimane di aspri combattimenti.

Interrogato sul potenziale di un nuovo governo che rinnega l’accordo, Putin ha detto alla televisione di stato russa: «Sarebbe un errore enorme», riporta The Telegraph. Anche la Francia ha criticato l’accordo di cessate il fuoco per aver contenuto “ambiguità” e ha messo in discussione il ruolo della Turchia nel far rispettare l’accordo, preoccupazioni che hanno trovato eco anche nel Dipartimento di Stato americano.

Il ministro degli Esteri francese Jean-Yves Le Drian ha detto al Parlamento di Parigi che le questioni sarebbero state discusse in un incontro a Mosca del cosiddetto Gruppo di Minsk – un negozio di chiacchiere vecchio di decenni alla ricerca di una soluzione al conflitto, copresieduto da Francia, Russia e Stati Uniti. Ma Putin ha difeso l’accordo, dicendo: «Il fatto che le ostilità siano cessate e che ci sia un accordo per sbloccare i trasporti, ristabilire i legami economici, è estremamente importante».

Ha detto che l’accordo ha posto le basi per una «normalizzazione a lungo termine» della regione contesa del Nagorno-Karabakh, ma ha ammesso di non aver risolto il “problema” del suo status finale. «Quello che succede dopo dovrebbe essere deciso in futuro, o dai futuri leader, dai futuri partecipanti a questo processo», ha aggiunto.

Il Nagorno-Karabakh fa parte dell’Azerbaigian popolato da armeni di etnia armena che si sono sottratti al controllo di Baku in una guerra al crollo dell’Unione Sovietica negli anni Novanta. Con il cessate il fuoco, la Russia sta inviando circa 2.000 truppe di pace con un mandato quinquennale per mantenere la pace.

Putin ha detto che la Turchia, che sostiene Baku, sarà associata al processo di mantenimento della pace attraverso un centro di controllo congiunto con la Russia che utilizzerà i droni, ma che le truppe turche non entreranno nel Nagorno-Karabakh.

Anna Lotti