NAGORNO KARABAKH. Putin chiede alla CSTO di sostenere Pashinian

164

Il presidente russo Vladimir Putin ha invitato i leader degli Stati membri dell’Organizzazione del Trattato di Sicurezza Collettiva (Csto) a sostenere il primo ministro armeno Nikol Pashinian, che è stato sotto pressione a Yerevan per la firma dell’accordo mediato dai russi che ha fermato la guerra nel Nagorno-Karabakh il mese scorso.

Tra i membri della Csto vi sono Armenia, Bielorussia, Kazakistan, Kirghizistan, Russia e Tagikistan.

Parlando ad un summit online dei leader della Csto il 2 dicembre, Putin ha detto che Pashinian «ha dovuto prendere decisioni dolorose ma necessarie» per fermare il conflitto. «Tutti nella sessione di oggi comprendono il livello di responsabilità quando tali decisioni vengono prese. Pashinian si è assunto questa responsabilità e il nostro compito ora è quello di sostenere il primo Ministro e la sua squadra nei loro sforzi per stabilire la pace, realizzare l’attuazione di tutte le decisioni prese e assistere le persone che si sono trovate in situazioni di vita molto difficili», ha detto Putin, riporta Rferl.

Pashinian, a sua volta, ha definito le forze di pace russe in Nagorno-Karabakh «un garante della sicurezza nella regione» e ha sottolineato il «ruolo esclusivo» di Putin nel «fermare lo spargimento di sangue». Il primo dicembre, l’Azerbaigian ha completato la bonifica di tre distretti detenuti dalle forze di etnia armena per quasi tre decenni, in accordo con la tregua firmata il 9 novembre.

L’accordo ha anche permesso all’Azerbaigian di mantenere il controllo del territorio dentro e intorno al Nagorno-Karabakh occupato nei 44 giorni di combattimenti.

L’Armenia ha firmato l’accordo con l’Azerbaigian il 9 novembre dopo sei settimane di pesanti combattimenti in Nagorno-Karabakh. In base all’accordo, l’Armenia ha ceduto tre distretti intorno all’enclave di etnia armena, oltre ad altri quattro che le forze azere hanno preso durante i combattimenti.

Dall’annuncio dell’accordo di pace, che lascia in un limbo il futuro status politico del Nagorno Karabakh, i partiti dell’opposizione in Armenia hanno tenuto manifestazioni a Yerevan per giorni per condannare la gestione della guerra da parte di Pashinian e chiedere le sue dimissioni.

I manifestanti hanno bollato Pashinyan come “traditore” per aver accettato l’accordo e hanno chiesto le sue dimissioni.

Il mese scorso le autorità armene hanno detto di aver sventato un complotto per assassinare il primo Ministro, riporta al Jazeera.

Pashinyan, la cui moglie e il figlio erano in prima linea durante il conflitto, ha detto che l’accordo di pace era l’unica opzione dell’Armenia e che assicurava la sopravvivenza del Karabakh. Anche se la regione contesa ha perso parte del suo territorio, il suo futuro sarà garantito da quasi 2.000 forze di pace russe che saranno impiegate per un mandato quinquennale rinnovabile.

Antonio Albanese