MYANMAR. Si apre la lista nera del GAFI per la giunta: fare affari è impossibile

107

Altra battuta d’arresto per la minima credibilità dell’esercito del Myanmar: il Gruppo di Azione Finanziaria Internazionale ha inserito il Myanmar nella sua lista nera per il finanziamento del terrorismo insieme a Iran e Corea del Nord.

La task force è stata istituita nel 1989 dal G 7, inizialmente per contrastare il riciclaggio di denaro. Da allora ha esteso il suo mandato alla lotta al finanziamento del terrorismo e alla proliferazione delle armi di distruzione di massa, riporta Nikkei.

Il GAFI ha raccomandato di inserire immediatamente il Myanmar nella lista nera e di sottoporlo a una maggiore due diligence da parte degli Stati membri. La decisione presa a Parigi deriva dalle preoccupazioni per i casinò del Myanmar e per il commercio transfrontaliero. Questi ultimi sono peggiorati da quando i militari hanno spodestato il governo eletto nel febbraio 2021. L’aumento delle attività criminali transnazionali include l’esportazione di droghe sintetiche e il gioco d’azzardo online.

Di conseguenza, il GAFI invita i Paesi ad applicare una maggiore due diligence nelle relazioni commerciali e nelle transazioni con il Myanmar. «Questa maggiore due diligence non deve avere un impatto negativo sull’assistenza umanitaria. I Paesi devono assicurarsi che non vi siano misure generalizzate che interrompano il flusso di fondi umanitari o di rimesse, o che danneggino i finanziamenti per le legittime attività delle Ong», afferma il GAFI.

L’inserimento nella lista nera è un’ulteriore dimostrazione di come l’esercito di Myanmar abbia fatto arretrare il Paese. Il Myanmar è stato nella lista nera per anni, fino a quando è stato spostato nella lista grigia nel febbraio 2016, per poi essere ulteriormente eliminato nel giugno 2016, l’anno in cui il governo quasi militare del presidente Thein Sein ha ceduto il potere al governo eletto di Aung San Suu Kyi, come riconoscimento dei progressi compiuti nella criminalizzazione del finanziamento del terrorismo.

Venerdì scorso, il Pakistan è stato rimosso dalla lista grigia del GAFI, con una dichiarazione in cui si afferma che il Paese dell’Asia meridionale «ha affrontato le carenze tecniche per soddisfare gli impegni dei suoi piani d’azione relativi alle carenze strategiche».

Il Myanmar si trova ora insieme a Paesi come la Corea del Nord e l’Iran, e le banche imporranno ulteriori requisiti di due diligence per le transazioni che coinvolgono il Paese.

La mossa complicherà ulteriormente la distribuzione degli aiuti esteri e appesantirà le imprese ancora presenti nel Paese che cercano di operare in modo responsabile.

La lista nera impone un altro ostacolo, oltre al controllo dei cambi e alle altre politiche ostili della giunta, alle aziende e agli investitori stranieri per fare affari: per le aziende internazionali, mantenere relazioni con il Myanmar inserito nella lista nera può comportare maggiori rischi di reputazione, sanzioni e boicottaggio dei consumatori.

La Banca Mondiale ha previsto che l’economia del Myanmar ristagnerà quest’anno dopo essersi ridotta di quasi un quinto nel 2021. Nel suo rapporto del luglio 2022, la banca ha avvertito che un’impennata dell’inflazione ha interrotto le operazioni di tutte le imprese. L’inflazione al consumo è salita al 18,2% a maggio su base annua. Secondo il rapporto della banca, l’aumento dei prezzi globali del petrolio, il deprezzamento del kyat birmano e le interruzioni della catena di approvvigionamento hanno portato a un aumento dei prezzi di un’ampia gamma di fattori produttivi importati, comprimendo i già sottili margini di profitto.

Il Governo di unità nazionale, un’entità parallela istituita dai legislatori estromessi, ha affermato che l’inserimento nella lista nera aggrava l’isolamento internazionale del regime. La lista nera minerà ulteriormente la fiducia degli investitori asiatici e occidentali, ma la Cina potrebbe rappresentare un’eccezione. In mezzo alle continue tensioni tra Stati Uniti e Cina e all’invasione dell’Ucraina da parte della Russia, le istituzioni finanziarie cinesi e gli investitori controllati dallo Stato sono diventati più pronti a sganciarsi dai sistemi finanziari e normativi internazionali.

Nell’ultimo anno, la Cina ha gradualmente ripreso i progetti infrastrutturali in Myanmar che erano stati pianificati prima della presa di potere dei militari. Le aziende cinesi sono rimaste nel mercato energetico del Myanmar, mentre altre si sono ritirate, e stanno portando avanti la proposta di un porto d’alto mare a Kyaukphyu, una componente chiave della Belt and Road Initiative di Xi Jinping.

Le ultime multinazionali a ritirarsi dal Myanmar sono Beiersdorf Myanmar, azienda tedesca produttrice di prodotti di bellezza Nivea, e Ooredoo, colosso delle telecomunicazioni con sede in Qatar.

Luigi Medici