Proteste in Myanmar

47

MYANMAR – Naypyidaw 31/08/2013. Un altro attivista politico è un attivista condannato a due anni di carcere in relazione alle proteste esplose contro lo sviluppo di un progetto minerario, nonostante l’impegno del regime di liberare tutti i prigionieri politici.

Naw Ohn Hla, 49 anni, è stato condannato il 29 agosto per reati di ordine pubblico nella città di Monywa, città in cui lo sviluppo della miniera di Letpadaung di proprietà cinese ha innescato una forte opposizione degli abitanti dei villaggi limitrofi. L’attivista, già arrestato in precedenza per le sue attività, è stato catturato il 13 agosto dopo che era stata negata la sua richiesta di organizzare una manifestazione, ha reso noto il suo avvocato Robert Aung San. Gli attivisti dei diritti umani hanno espresso preoccupazione per l’arresto continuo di coloro che si oppongono alla miniera in questi ultimi mesi, nonostante la promessa del presidente riformista Thein Sein a liberare tutti i detenuti politici entro la fine del 2013. Una protesta presso la miniera di rame nel novembre 2012 aveva scatenato un’ondata di rabbia popolare dopo che la polizia aveva usato il fosforo contro i manifestanti, nella repressione più dura dalla fine del governo militare. Nel luglio del 2013 i funzionari del governo avevano detto che i termini della transazione della miniera con la società cinese Wanbao erano stati rivisti, in un apparente tentativo di placare la rabbia dell’opinione pubblica, dando alla nazione una quota dei profitti. La leader dell’opposizione Aung San Suu Kyi è stata interpellata dagli abitanti del villaggio dopo che li aveva incoraggiati ad andare avanti con le proteste.