MYANMAR. Le milizie si uniscono alla LND per un governo di Unità Nazionale contro il golpe

133

La situazione in Myanmar innescata dopo il colpo di stato sta velocemente andando verso un punto di rottura, mentre le forze di sicurezza aumentano la brutalità contro i civili, con oltre 250 morti e 2.200 arresti registrati dal 1° febbraio. Si sta creando un governo parallelo nelle aree controllate dalle organizzazioni etniche armate, un luogo che potrebbe dare al Comitato Rappresentante Pyidaungsu Hluttaw dei legislatori deposti una possibilità di combattere.

Un numero crescente di membri della resistenza del Movimento di Disobbedienza Civile anti-militare hanno cercato rifugio nelle terre di confine orientali del Myanmar controllate dalle milizie etniche che hanno a lungo combattuto lo stato centrale dominato dai militari, compresi i gruppi armati Kayin, Kayah e Mon e in particolare l’Unione Nazionale Karen.

Le milizie etniche hanno denunciato pubblicamente il colpo di stato e il nuovo Consiglio di amministrazione statale dell’esercito e a volte hanno schierato truppe per proteggere il diritto a manifestare pacificamente.

Il ribelle Restoration Council of Shan State ha dichiarato pubblicamente che darà rifugio e sostegno alle vittime dell’esercito. Centinaia di persone, compresi i leader della Lega Nazionale per la Democrazia, membri della Myanmar Police Force e soldati che hanno disertato, si sono rifugiati nelle aree controllate dalle milizie. Dicono che anche molti professionisti della classe media hanno cercato rifugio nelle aree etniche periferiche e si prevede che altri fuggiranno con l’intensificarsi della violenza nelle aree urbane, riporta Asia Times.

Dei cinque confini internazionali del Myanmar, solo due sono praticabili come rifugio. L’India ha già ricevuto diverse centinaia di persone, tra cui decine di poliziotti disertori, e i funzionari del confinante stato di Mizoram hanno giurato di non costringere nessuno a tornare. Non c’è sicurezza per coloro che fuggono in Cina, né un rifugio sicuro con le milizie del nord, che sembrano finora non aver partecipato al colpo di stato o almeno non averlo condannato pubblicamente.

A parte l’Esercito per l’Indipendenza Kachin, che ha dichiarato il suo sostegno al diritto di protestare e nelle ultime settimane ha combattuto in diverse aree del nord. Questo lascia le terre di confine orientale con la Thailandia, i tradizionali spazi di rifugio per i dissidenti e gli insorti per decenni, dove le precedenti organizzazioni ombrello come la Democratic Alliance of Burma avevano sede nelle “zone liberate” durante gli anni ’90. Le autorità thailandesi hanno annunciato piani di emergenza per la costruzione di circa 20 rifugi lungo il confine nelle aree in cui le persone potrebbero attraversare.

Sono in corso colloqui tra il governo parallelo della Lega Nazionale per la Democrazia e il Peace Process Steering Team che rappresenta i dieci gruppi firmatari del Nationwide Ceasefire Agreement, nonché altri gruppi armati e partiti politici etnici. Un governo parallelo di “unità nazionale” con radici nelle aree etniche potrebbe presto emergere in qualche forma. Molte persone coinvolte vogliono raggiungere una sorta di intesa prima della fine di marzo per accordarsi con la tabella di marcia per la formazione di un nuovo governo secondo la costituzione dopo le elezioni dello scorso novembre, che la NLD ha vinto con una valanga di voti.

Alcuni hanno suggerito che piuttosto che creare una struttura formale che potrebbe facilmente impantanarsi negli antagonismi del passato, si formi invece una vera partnership tra una moltitudine di attori con obiettivi comuni dichiarati.

Luigi Medici