MYANMAR. La Giunta verso il suicidio economico: la dedollarizzazione

233

Dopo un anno di autodistruzione politica, sociale ed economica, la giunta militare del Myanmar sembra ora commettere un suicidio finanziario. Il 3 aprile, la banca centrale del Myanmar ha emesso una direttiva che richiede a tutti i cittadini del Myanmar di cambiare le loro disponibilità di valuta estera e le trasmissioni da oltremare in kyat del Myanmar presso le banche autorizzate dallo stato. La direttiva, pubblicata dai media statali e bollata come una disperata presa di denaro, diceva che il trasferimento deve essere fatto entro “un giorno lavorativo”.

Non è ancora chiaro come la misura sarà applicata e implementata, ma la guida successiva ha detto che i dollari devono essere cambiati a un tasso di 1.850 kyat per il biglietto verde, facendo guadagnare alla banca centrale un guadagno sul cambio al tasso di mercato prevalente di 2.015 kyat per il dollaro, riporta AT.

Le altre valute saranno calcolate a tassi simili, molto probabilmente sfavorevoli, dettati dalla banca centrale. Secondo la Banca Mondiale, le riserve estere del Myanmar ammontavano a soli 7,8 miliardi di dollari nel dicembre 2020, poco più di un mese prima del colpo di stato del febbraio 2021 e gli ultimi dati pubblici affidabili sulla posizione delle riserve del paese.

Il debito estero del Myanmar è stimato tra i 10 e gli 11 miliardi di dollari. Le sanzioni occidentali imposte come risposta alla presa di potere da parte dei militari dell’amministrazione eletta di Aung San Suu Kyi hanno preso di mira i principali interessi economici dei militari e alcuni personaggi di spicco. Secondo la prima dichiarazione della banca centrale sulle nuove misure, tutti i trasferimenti di valuta estera “devono essere effettuati attraverso le banche autorizzate con il permesso del Comitato di supervisione dei cambi”.

Tutti i titolari di conti in valuta estera saranno anche costretti a convertire in kyat le disponibilità acquisite prima del 3 aprile, con una vaga opzione di richiedere un’esenzione dalle nuove regole. È stato anche annunciato che una parte della valuta estera può essere tenuta in banche approvate dopo l’approvazione delle autorità competenti, compresa la Commissione per gli investimenti di Myanmar.

Il 4 aprile, l’ambasciata giapponese ha inviato una lettera alla giunta dicendo che «le aziende giapponesi che operano in Myanmar affronteranno serie sfide nel seguire il nuovo regolamento, che causerà difficoltà nel continuare le loro attività nel paese. Sarà anche dannoso per la funzione dell’ambasciata del Giappone e di altre organizzazioni ufficiali».

Due giorni dopo, l’ambasciata di Singapore ha emesso una dichiarazione quasi identica; l’8 aprile, una dozzina di gruppi imprenditoriali, tra cui la Camera di commercio francese di Myanmar, AustCham Myanmar, EuroCham Myanmar, la Camera di commercio britannica in Myanmar, e la Camera di commercio tedesca di Myanmar, hanno rilasciato una dichiarazione congiunta dicendo che la nuova regola della valuta estera «abbassa inutilmente gli standard di vita del popolo di Myanmar, arresta l’attività commerciale straniera, ferma il flusso di investimenti diretti esteri e crea tensioni commerciali con altri paesi».

La restrizione sull’uso delle valute straniere, ha notato la dichiarazione, «disconnette il Myanmar dall’economia globale e dal sistema finanziario globale». A Yangon, nemmeno le banche locali sembrano sapere cosa significhino effettivamente le nuove regole, come saranno applicate dalle autorità militari, e cosa succederà se si ritiene che le banche le abbiano violate.

Dietro ci potrebbero essere tre ragioni principali dietro quella che molti vedono come una mossa disperata per avere accesso alla valuta estera in un momento in cui l’economia locale è quasi crollata a causa del colpo di stato militare del febbraio 2021 e dei disordini nazionali che ne sono seguiti.

La prima: la giunta ha quasi esaurito le sue riserve estere e ha disperatamente bisogno di un modo per guadagnare, o in questo caso, prendere valuta estera per evitare il default sui debiti esteri; strangolare, i flussi di denaro stranieri anti-giunta; chiedere il riconoscimento del governo golpista.

Graziella Giangiulio