MYANMAR. I golpisti usano TikTok come arma: Bytedance li oscura

83

I soldati del Myanmar e la polizia stanno usando TikTok per postare minacce di morte ai manifestanti contro il colpo di stato del mese scorso, spingendo l’app cinese di video-sharing ad annunciare che stava rimuovendo il contenuto che incita alla violenza.

Il gruppo per i diritti digitali Myanmar ICT for Development, Mido, ha detto di aver trovato oltre 800 video pro-militari che minacciano i manifestanti in un momento di crescente spargimento di sangue, con 38 manifestanti uccisi solo il 3 marzo, secondo le Nazioni Unite, riporta Reuters.

Un video, postato sul social di Bytedance, a fine febbraio, mostra un uomo in tenuta militare che punta un fucile d’assalto alla telecamera e si rivolge ai manifestanti: «Sparerò nelle vostre fottute facce… e userò proiettili veri (…) Stasera pattuglierò tutta la città e sparerò a chiunque vedrò… Se vuoi diventare un martire, realizzerò il tuo desiderio».

TikTok è l’ultima piattaforma di social media a subire una proliferazione di contenuti minacciosi o discorsi di odio in Myanmar. Facebook ha ora bandito tutte le pagine legate all’esercito del Myanmar, ed è stato a sua volta bandito.

TikTok ha detto in una dichiarazione: «Abbiamo chiare linee guida della comunità che affermano che non permettiamo contenuti che incitano alla violenza o alla disinformazione che causano danni … Per quanto riguarda il Myanmar, siamo stati e continuiamo a rimuovere prontamente tutti i contenuti che incitano alla violenza o diffondono disinformazione, e stiamo monitorando attivamente per rimuovere qualsiasi contenuto di questo tipo che viola le nostre linee guida» .

Le politiche di TikTok vietano la visualizzazione di armi a meno che non siano in “ambienti sicuri”. In oltre una dozzina di video, uomini in uniforme, a volte brandendo pistole, hanno minacciato di colpire i manifestanti che chiedono il rovesciamento del colpo di stato e il rilascio di Aung San Suu Kyi. Alcuni video hanno avuto decine di migliaia di visualizzazioni, in alcuni video sono stati usati hashtag relativi a celebrità statunitensi.

Già in rapida crescita in Myanmar, TikTok ha visto un forte aumento dei download dopo che i militari hanno vietato Facebook il mese scorso. È nella top 20 delle app più scaricate in Myanmar, secondo i dati ufficiali. Facebook, che rimane popolare in Myanmar nonostante il divieto, ha inasprito il suo controllo dei contenuti da quando è stato accusato di contribuire alle atrocità contro la minoranza musulmana Rohingya nel 2017.

Antonio Albanese