Munizionamento Usa e cinese per ISIS

53

REGNO UNITO – Londra 10/10/2010. Lo Stato islamico sta utilizzando principalmente munizioni provenienti da Cina e Stati Uniti nella sua guerra contro i governi di Siria e Iraq.

Secondo gli studi compiuto dall’istituto Conflict Armament Research (Car), Isis utilizza munizioni prodotte in 21 paesi, con date di produzione che vanno dal 1945 al 2014. «Due periodi di produzione, il decennio compreso tra il 1970 e il 1980 e gli anni 2000, sono i più rappresentati nel campione analizzato in cui ci sono principalmente munizioni prodotte in Cina, Serbia, Unione Sovietica / Russia, e Stati Uniti (…) Car ha recuperato la maggior parte delle munizioni del decennio 1970-80 nel campione proveniente dalla Siria. Le munizioni da questo periodo sono prevalentemente di fabbricazione cinese e sovietica. Al contrario, il campione di munizioni recuperate in Iraq è principalmente fabbricato negli Stati Uniti e comprende cartucce 5.56 x 45 mm, che vengono utilizzate negli Usa per i fucili d’assalto M16 e M4 che erano in dotazione alle forze di difesa e di sicurezza irachene», si legge nel rapporto. Secondo lo studio, il 10 per cento del campione studiato ha date di fabbricazione che partono dal 2010. Cartucce cinesi e bulgare costituiscono più della metà di simili munizioni di recente produzione.