MOZAMBICO. Nuovi flussi migratori creati da gruppi armati e Stato Islamico

32

L’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni in Mozambico riferisce che, a causa di una serie di “attacchi sporadici e del timore di attacchi da parte di gruppi armati non statali” a Macomia, Chiure, Mecufi, Mocimboa da Praia e Muidumbe a partire dal 22 dicembre, si è verificato uno sfollamento cumulativo di 26.690 persone.

“Nelle ultime 24 ore, nelle comunità del quartier generale di Namapa si è registrato un afflusso significativo di arrivi da Chiure a Nampula”, aggiunge l’organizzazione. 

Come se non bastasse, si aggiunge la situazione molto critica di Cabo Delgado. In uno dei paesi più ricchi di materie prime al mondo, come il Mozambico, gli attacchi jihadisti provocano migliaia di sfollati nella provincia settentrionale. 

Il governo del Mozambico ha confermato che decine di migliaia di persone sono state costrette ad abbandonare le proprie case a causa di un’ondata di attacchi jihadisti nell’irrequieto nord. Il portavoce del governo ha detto che 67.321 persone sono fuggite dagli attacchi armati delle ultime settimane nella provincia di Cabo Delgado.

Filimão Suaze ha sottolineato che le autorità stanno cercando di “migliorare le condizioni di alloggio” degli sfollati. Il governo finora ha respinto le richieste per lo stato di emergenza. Nelle ultime settimane, il gruppo terroristico Stato Islamico ha rivendicato numerosi attacchi e vittime, soprattutto nel sud della provincia di Cabo Delgado, dopo diversi mesi di calma.

Secondo l’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari, dal 22 dicembre sono complessivamente 71.681 le persone sfollate a causa di attacchi o per paura di attacchi. La provincia di Cabo Delgado subisce attacchi da sei anni.

Come se non bastasse il 26 febbraio il ministro del Mozambico ammette “difficoltà” nel risarcire le vittime delle frane. Per mesi, le famiglie colpite dal crollo mortale di una discarica in Mozambico non hanno ricevuto il sostegno finanziario loro promesso dal governo.

La discarica, che era nota per ospitare alcuni dei residenti più poveri della capitale, è crollata sei anni fa. Almeno 17 persone sono state uccise e molte altre che avevano costruito accampamenti improvvisati in mezzo alla spazzatura sono rimaste senza casa.

In risposta al disastro, il governo ha promesso 30.000 meticai mozambicani (470 dollari) a trimestre a ciascuna famiglia colpita.

Il ministro della Terra e dell’Ambiente, Ivete Maibaze, ha risposto alle denunce di un’associazione delle vittime, secondo cui negli ultimi cinque mesi 120 famiglie non hanno più ricevuto i pagamenti. Maibaze afferma che il governo sta cercando di ottenere i finanziamenti per continuare il sostegno.

Lucia Giannini

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/