Motodays: livrea tricolore e test-ride d’oltreconfine

64

ITALIA – Roma. Mv Agusta, Moto Guzzi, Ducati, Aprilia e Piaggio le novità nostrane nel settore delle due ruote presentate al salone romano. Una livrea tricolore statica per l’occasione, da guardare, toccare e apprezzare nel suo design ricercato e innovativo al Motodays di Roma.

Degne di nota invece le possibilità di test-ride offerte da Ktm, Triumph, Suzuki, Yamaha, Bmw Motorrad, Peugeot, Harley-Davidson e soprattutto da Honda, che ha messo a disposizione dei visitatori un parco moto capace di spaziare dalla nuova entry level Cb500f, all’ammiraglia Vfr1200 con sistema di trasmissione Dual Clutch, provata da Agc Communication grazie a test open door lungo il litorale capitolino.

 

Venendo alle principali novità, attesa a lungo in casa Mv Agusta, la nuova Rivale 800 si è disvelata anche agli appassionati del centro-sud della Penisola. Corredo tecnologico e componentistica d’eccezione, prestazioni di livello e design dirompente, le carte Mv. Dopo il down-sizing che ha caratterizzato la Brutale 675, ritorna deciso il tradizionale frazionamento “tre-pistoni”, ora con un innovativo albero controrotante, soluzione che permette di stabilizzare a terra in accelerazione la ruota anteriore; una tecnologia precedentemente utilizzata solo su motori da gara.

La Rivale, si mostra come un ibrido tra una naked ed una super-motard, presentando in chiave e stile italiani, un concetto di fun-bike, nel quale si era precentemente avventurata solo Husqvarna con la Nuda 900 bicilindrica, sviluppata a seguito dell’acquisizione del marchio da parte del gruppo Bmw Motorrad, e ora gia passato sotto il controllo dell’austriaca Ktm.

Caratteristica linea pulita e formosa per Moto Guzzi, che ha sfoggiato tra le novità proposte un’inedita California 1400. Una custom in chiave italiana, capace di avvicinarsi al settore turismo, abbinando all’estetica prestazioni cicliste, di impianto frenante e una propulsione degne di nota per il segmento nel quale si inserisce. L’inedito bicilindrico a V di 90° progettato e realizzato a Mandello del Lario rasenta infatti la soglia dei cento cavalli, con un’imponente coppia di 120 Nm ad appena 2750 giri. Il tutto, con una bassissima soglia di vibrazioni per pilota e passeggero grazie al fissaggio elasto-cinematico del blocco motore al telaio, al controllo di trazione, all’acceleratore ride-by-wire e alla possibilità di selezionare tre diverse mappature, con differenti curve di erogazione della potenza.

Per il salone romano, Aprilia ha invece riservato la presentazione delle supersportive Rsv4 Factory Abs e Rsv4r Abs. Mezzi derivati dallo sviluppo della moto vincitrice del mondiale Superbike dello scorso anno, fornite di primo equipaggiamento con un nuovo sistema antibloccaggio sportivo disinseribile e di un incremento di potenza che porta la stretta V4 cilindri da un litro di Noale alla soglia dei 184 cavalli all’albero. Ovviamente, molto fornito il pacchetto di supporti elettronici, mirato a consolidare il dominio Aprilia in un settore che comincia a sentire la pressione di casa Bmw con la e della sua nuova 1000rr Hp4, ora dotata anche di rivoluzionarie sospensioni semi-attive.

L’icona del gruppo Piaggio non cambia. Ecco dunque la Vespa 946, ultima discendente di una tradizione di mobilità cittadina a due ruote che conta ormai 7 decenni. Lo stile è ora avveniristico, ispirato al prototipo Mp6, con un equipaggiamento di serie comprensivo di controllo di trazione ASR, di sistema antibloccaggio delle ruote ABS ed emissioni ridotte del 30% per il nuovo motore da un ottavo di litro, quattro tempi, tre valvole sviluppato da Piaggio.

Innumerevoli i modelli esposti e messi a disposizione dalla casa giapponese Honda, con le inedite Cb500F, Cb500X e Cb500r, con ABS di serie; nonché l’attesissima naked dalle linee retrò Cb1100, la lussuosa tourer Gold Wing Fb6 con il suo imponente 6 cilindri in linea, nonché la tecnologica Vfr 1200 con sistema di trasmissione a doppia frizione Dual Clutch. Yamaha, infine oltre a presentare rilevanti novità come la sport tourer FJR 1300, si è mostrata al pubblico romano con il suo T-Max 530 nella recente colorazione Solar Black e nella nuova versione a tiratura limitata T-Max Black Max; da affiancare ormai sui percorsi urbani e nei saloni, al maxi-scooter concorrente Suzuki Burgman 650, oggetto di un restyling pressoché completo da parte della casa produttrice di Hamamatsu.