Mosca, maxi retata contro i clandestini

52

RUSSIA – Mosca. 28/06/13. Secondo il Ria Novosti 1.400 lavoratori migranti sono stati arrestati  a Mosca con l’accusa di reati in materia di immigrazione, secondo una dichiarazione della polizia.

 

I lavoratori immigrati, per lo più provenienti dai paesi dell’Asia centrale del Tagikistan e Uzbekistan, vivevano in dormitori costruiti abusivamente. La polizia ha circondato le abitazioni site in un cantiere nel sud-est di Mosca, dove erano impiegati.

I migranti erano costretti a vivere in 8 per camera in luoghi senza via d’uscita, ignorando le norme di sicurezza i lavoratori cucinavano su cucine elettriche. Il raid, che ha avuto luogo giovedì scorso, faceva parte di un’operazione chiamata “clandestino”, le segnalazioni di reato sono state 1.314 su un totale di 1.380 detenuti. Indagini penali saranno ora aperte anche dll’Ufficio per l’immigrazione clandestina.

Anche se la Russia dipende fortemente lavoro migrante, vi è una diffusa opposizione a più alti livelli di immigrazione tra alcuni settori della società, e la questione è diventata un punto focale delle prossime elezioni del sindaco di Mosca con i candidati che chiedono misure più severe contro i clandestini.

Il sindaco di Mosca Sergei Sobyanin, ha detto che punta alla rielezione nel mese di settembre, e ha riferito all’inizio di questo mese che ci sono stati circa 300.000 immigrati clandestini in città, e che la maggior parte dei crimini della città sono commessi dai “visitatori”.

“Le persone che parlano russo male e che hanno una cultura diversa è meglio che vivano nel proprio paese”, ha detto Sobyanin Moskovskiye qualche tempo fa al Ria Novosti ​​. Altri alti funzionari, tra cui il presidente Vladimir Putin, hanno recentemente messo in luce i rischi di migrazione sotto-regolato, e disegnato un legame tra la migrazione e l’estremismo.

Una relazione del 2012 della sede a Parigi Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico ha detto che la Russia ha il più alto numero di immigrati illegali in tutto il mondo, che rappresentano il 7 per cento della popolazione attiva del paese.