MONTENEGRO. Nel voto si sceglierà tra esperienza e competenza

139

Milo Djukanovic, presidente uscente del Montenegro, si trova ad affrontare la sfida più seria al suo dominio in tre decenni da parte del volto più nuovo della politica: il candidato di Europe Now, Jakov Milatovic.

Per rendere la corsa del 19 marzo ancora più intrigante, anche il co-leader del Fronte Democratico (DF), Andrija Mandic, di estrema destra e filo-russo, concorre per il posto contro Djukanovic e Milatovic, di orientamento occidentale, riporta BneIntelliNews.

Il voto si terrà nel mezzo della più profonda crisi politica che il Montenegro ha affrontato dalla sua indipendenza dalla Serbia nel 2006, con il Parlamento incapace di formare un nuovo governo dopo aver fatto cadere il governo del primo Ministro Dritan Abazovic la scorsa estate, e Djukanovic che spinge per nuove elezioni generali.

Djukanovic, Milatovic e Mandic sono considerati i più forti tra i sette candidati e gli unici con una reale possibilità di arrivare al ballottaggio.

Djukanovic, leader del Partito Democratico dei Socialisti (DPS), ha governato il Montenegro per più di tre decenni sia come primo ministro che come presidente. Sebbene sia considerato filo-riformista e filo-occidentale, durante la sua lunga permanenza al potere è stato coinvolto in diversi scandali di corruzione e molti montenegrini vorrebbero vederlo fuori dalla politica.

È stato il fervente desiderio di spodestare Djukanovic e il DPS a ispirare 20 piccoli partiti a formare la prima coalizione di governo del Montenegro indipendente, che ha escluso il partito da tempo al potere. Variando tra estrema destra e filo-russi, filo-occidentali e civici, la coalizione ha ottenuto la maggioranza in parlamento dopo le elezioni generali dell’agosto 2020. Milatovic era membro del governo guidato da Zdravko Krivokapic, mentre il Fronte Democratico di Mandic era tra i partiti che lo sostenevano.

Tuttavia, a parte il forte desiderio di rimuovere il DPS e il suo leader dal potere, i membri della coalizione avevano poco in comune e non erano in grado di realizzare le riforme. Con la frattura dell’alleanza, ci si aspettava che Djukanovic e il suo partito tornassero in scena come vincitori. Tuttavia, le elezioni locali tenutesi in diversi comuni lo scorso anno hanno dimostrato che il partito sta invece perdendo sostenitori.

Mentre il DPS sembra lottare per riconquistare il potere, Europe Now, formato da due ex ministri che hanno lavorato sotto Krivokapic – Milatovic e Milojko Spajic – sembra stia rapidamente conquistando quello che un tempo era il territorio del DPS. A pochi mesi dalla sua creazione, il partito ha vinto in 11 comuni su 14 alle elezioni locali del 23 ottobre. (Il Montenegro ha 23 comuni, ma non si tengono contemporaneamente le elezioni locali).

La perdita della maggioranza del DPS a Podgorica, in particolare, è stata vista come una punizione per il ruolo piuttosto controproducente di Djukanovic nella crisi politica in corso nel Paese.

Inizialmente, Europe Now aveva designato Spajic come candidato alla presidenza. Tuttavia, è stato squalificato a causa del sospetto che abbia la cittadinanza serba. La legge montenegrina non consente alle persone con doppia cittadinanza di candidarsi alla presidenza.

La squalifica di Spajic da parte dell’organo elettorale centrale, il Dik, è stata rapida e non ha atteso il completamento di un’indagine avviata dal Ministero degli Interni. Ciò ha dato adito a speculazioni sul fatto che la decisione del Dik sia stata influenzata dal DPS, poiché Spajic era visto come una seria minaccia per Djukanovic. Anche i membri della Dik che rappresentano il DF hanno votato per l’esclusione di Spajic.

Poco dopo, Europe Now ha candidato Milatovic. Tuttavia, la sua campagna non è andata bene. A Cetinje, l’antica capitale del Montenegro, un gruppo di persone ha attaccato Milatovic mentre si recava a un incontro pre-elettorale. Non è stato ferito, ma Europe Now ha affermato che il gruppo era organizzato dal DPS. Un altro gruppo di persone, anch’esso accusato di essere sostenitore del DPS, ha tentato di impedire l’incontro di Milatovic con i sostenitori nella città di Niksic durante l’ultimo fine settimana di campagna elettorale.

Nel frattempo, non c’è stata alcuna reazione alla denuncia presentata alla Corte costituzionale da Bojana Jokic, responsabile dell’ONG LGBT Forum Progres, contro la candidatura di Djukanovic. Jokic ha affermato di non poter correre per un terzo mandato e ha sostenuto che il Dik ha interpretato erroneamente la legge confermando la candidatura di Djukanovic. Tuttavia, questa interpretazione è controversa, poiché quando Djukanovic è stato presidente tra il 1998 e il 2002, il Montenegro faceva parte di un’unione statale sciolta con la Serbia.

Jokic ha affermato che, secondo la legge montenegrina, una persona può essere presidente per non più di dieci anni, indipendentemente dal fatto che si tratti di dieci anni consecutivi o meno, e se vincesse, Djukanovic governerebbe il Paese come capo di Stato molto più a lungo.

Con Djukanovic e Milatovic che mirano a occupare il centro della scena pro-UE, il dibattito si è ridotto a una questione di esperienza politica contro la competenza acquisita al di fuori dell’arena politica.

Maddalena Ingroia

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/