MONTENEGRO. Il volano economico dell’agriturismo

76

Il Montenegro sta puntando sul turismo verde e inclusivo; sempre più turisti hanno deciso di avventurarsi nell’entroterra per conoscere il paese utilizzando strutture agrituristiche. Ma cosa rende l’agriturismo così attraente sia per i viaggiatori che per la gente del posto?

Come riporta BneIntellinews, la crescita dell’agriturismo si è sviluppata negli ultimi due decenni, poiché i turisti stanno cambiando le loro priorità su come spendere tempo e denaro. Questo tipo di turismo mira ad essere su piccola scala, con un basso impatto ambientale e prevede l’educazione dei visitatori in qualche modo.

Soggiorni in fattoria ed esperienze in campagna, speso prevedono il lavoro della terra, le lezioni di cucina o l’allevamento del bestiame. Come la “moda verde” è diventata popolare, l’agriturismo sta diventando uno dei settori più in rapida crescita dell’industria dei viaggi, in particolare nelle aree di bellezza selvaggia come accade in Montenegro.

Chi fa agriturismo in Montenegro può scoprire lo stile di vita, le tradizioni e la cultura della gente locale; immergendosi completamente nell’esperienza”.

Nel 2016 la comunità “Slow Food” entra in Montenegro. “Slow Food International” è un’organizzazione di base con sede in Italia, fondata negli anni ’80 con lo scopo iniziale di difendere le tradizioni regionali, il buon cibo e un ritmo di vita lento. Oggi l’obiettivo principale è collegare il piacere del cibo con il sostegno alla comunità e all’ambiente.

La rete di agriturismi montengrini Rams, ha avuto il sostegno della Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo e il sostegno dei donatori della Western Balkans Enterprise Development & Innovation Facility. Attraverso il sito web Rams, i turisti possono prenotare il loro soggiorno online, rendendo più facile per gli agricoltori preparare e personalizzare l’esperienza del consumatore. Con una crescente presenza sui social media, i turisti possono ora avere un assaggio di cosa aspettarsi.

Ma questo tipo di turismo non attira in Montenegro solo i curiosi viaggiatori di città, ma fornisce anche enormi benefici al settore agricolo e alle comunità rurali. Questo è particolarmente importante in regioni come il nord del Montenegro, dove le opportunità per i giovani sono scarse e la forte dipendenza dall’agricoltura può rendere un cattivo raccolto di mirtilli nella regione di Prokletije, la più grande piantagione naturale di mirtilli del mondo, sufficiente a mettere a rischio la sopravvivenza dei piccoli agricoltori.

In un progetto congiunto con l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura e con il sostegno dei donatori del Lussemburgo per migliorare la sicurezza alimentare e gli standard di qualità nel settore della carne del Montenegro, la Bers ha aiutato la Crnogorska Goveđa, carne essiccata, ad ottenere lo status di indicazione geografica. Per i consumatori, un’etichetta IG indica un prodotto legato all’origine di qualità, autenticità e tradizione. L’etichetta può anche aumentare il prezzo di vendita di un prodotto dal 20 al 50 per cento, secondo uno studio Fao-Bers.

La combinazione di turismo e agricoltura può diversificare le attività commerciali e risolvere i problemi di carenza di mercato in agricoltura, creare posti di lavoro nelle zone rurali e aumentare il valore della produzione agricola per gli agricoltori attraverso varie attività commerciali, come infatti sta accadendo in Montenegro.

Aumentare il coinvolgimento delle comunità locali, nella catena del valore del turismo può stimolare l’economia locale e ridurre la povertà, e aiutare a costruire un’industria sostenibile e inclusiva.

Maddalena Ingrao