MONGOLIA. Casinò per riavviare l’economia e il turismo

197

La Mongolia cerca nuove vie di crescita economica. Ulaanbaatar punta sui casinò.

Un disegno di legge per legalizzare casinò, scommesse, lotterie e corse di cavalli è stato presentato al Parlamento a dicembre 2022 e la sua navetta è pieno regime, secondo State Great Khural, ripreso da BneIntellinews. La speranza è che i visitatori stranieri possano essere incoraggiati a fare scommesse alle slot machine e ai tavoli da poker dopo aver visitato le steppe mongole.

In gran parte dipendente dall’estrazione mineraria, la Mongolia è alla ricerca di modi per diversificare la sua economia e stimolare la crescita. La sua valuta ha perso il 22% del suo valore negli ultimi 12 mesi e il Pil è sceso al 2,5% dopo essere stato a due cifre dieci anni fa.

Il concetto di casinò è stato promosso dal governo che dichiarato il biennio 2023-2025 come prioritario per lanciare il turismo in Mongolia. Il disegno di legge in Parlamento prevede anche la costruzione di ippodromi e la legalizzazione delle lotterie.

I casinò sono stati aperti in tutta l’Asia negli ultimi due decenni, principalmente per i vacanzieri cinesi. Filippine, Singapore, Cambogia e Malesia sono alcuni dei paesi che hanno scommesso sui casinò per aumentare le entrate.

Anche se la Mongolia scommette sui casinò, ma i problemi non mancano: nel 2019 le autorità hanno vietato ai dipendenti pubblici di giocare d’azzardo nei casinò di altri paesi a causa delle segnalazioni secondo cui i funzionari trascorrevano una quantità eccessiva di tempo nei casinò durante i viaggi ufficiali all’estero.

La Mongolia seguirebbe poi la strada di Monaco: i cittadini mongoli non saranno autorizzati a giocare d’azzardo nei casinò sul proprio territorio. Anche la Corea del Sud vieta anche ai suoi cittadini tutti i suoi 23 casinò tranne uno.

I casinò hanno avuto una cattiva reputazione in Mongolia dalla fine degli anni ’90, quando un casinò situato nel seminterrato del Chinggis Khaan Hotel è stato chiuso dopo due anni di attività tra accuse di corruzione e riciclaggio di denaro.

Le amministrazioni nel corso degli anni hanno tentato senza successo di ristabilire un’attività di casinò, tutte defunte di fronte allo scetticismo pubblico sul gioco d’azzardo legalizzato.

Se approvata, la nuova legge consentirebbe alle autorità di rilasciare licenze operative per casinò valide per 30 anni. Alla scadenza della licenza, la metà delle quote del casinò deve essere trasferita al governo. La licenza dell’operatore può quindi essere estesa per altri 10 anni. Un’altra disposizione vieterebbe il trasferimento di una licenza di casinò a un’altra società dopo che è stata rilasciata.

L’investimento minimo richiesto dal governo è di 300 milioni di dollari. L’ultima volta che la Mongolia ha visto un investimento nel turismo di tale portata è avvenuta nel 2015, quando Shangri-La ha aperto un hotel, uffici e complesso commerciale da 500 milioni di dollari a Ulaanbaatar.

Per quanto riguarda le tasse, si applicherebbe un’aliquota fiscale del 40% sui profitti, pari a quanto attualmente richiesto ai casinò di Macao. Una parte delle entrate andrebbe allo sviluppo del turismo. La legislazione richiederebbe inoltre all’operatore di effettuare tutte le transazioni tramite banche locali.

I casinò sarebbero consentiti all’interno di una zona di libero scambio di 1.000 ettari nella Khushigt Valley, vicino al nuovo aeroporto internazionale di Ulaanbaatar. La zona, istituita lo scorso anno e approvata dal Parlamento, si trova a 50 km a sud della capitale. La legge protegge chi entra per primo, concedendo a quell’operatore un monopolio di cinque anni prima che le licenze vengano messe a disposizione delle aziende.

La maggioranza dei membri della Commissione permanente che ha ascoltato la prima lettura ha sostenuto la mozione per continuare le discussioni sulla legge in Parlamento.

Secondo News.mn, anche se non ci sono casinò fisici in Mongolia, sono emerse numerose piattaforme di gioco online, di cui la maggior parte non autorizzata.

Mentre il gioco d’azzardo nei casinò sarebbe fuorilegge ai sensi della legge in esame, la legge non vieterebbe il gioco d’azzardo negli eventi di corse di cavalli a corto raggio. La Mongolia ha già una cultura delle corse di cavalli, ma quegli eventi sono corse a lunga distanza e fino ad ora le scommesse sono state informali e di solito tra amici.

La nuova legge prevede poi che i fantini siano cavalieri professionisti certificati, impedendo ai bambini, che fungono da fantini durante le gare estive, di partecipare alle gare professionistiche, tutelandoli.

Maddalena Ingrao

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/