Gli USA sbarcano in Moldavia

58

MOLDAVIA – Chișinău. 24/04/14. Secondo la testata IA REGNUM, gli Stati Uniti hanno inviato truppe in Moldavia e il presidente moldavo ha riferito di essere contento di «maggiore presenza americana» nel paese.

«L’aumento della presenza americana in varie forme, nella Repubblica di Moldova, rafforza la sicurezza dei cittadini e aumenta la possibilità di modernizzare il nostro paese» ha detto Nicholas Timolfti, dell’Ufficio Informazione del presidente moldavo, in un incontro con un membro del Senato statunitense, Bob Corker. Timofti ha detto che la Moldova apprezza il rapporto privilegiato di oggi con gli Stati Uniti e l’Unione europea . «Nei colloqui con numerosi funzionari degli Stati Uniti che ci hanno visitato in questi mesi, si segnala l’importanza delle idee e punti di vista su molte questioni importanti» ha detto Nikolai Timofti. A sua volta, Corker – differentemente dal presidente –  ha affermato che le recenti visite di alti funzionari statunitensi parlano dell’importanza delle relazioni moldavo – americano. Parlare di “mesi”, o dire “recenti” nel contesto attuale della regione dell’Europa orientale. «Gli Stati Uniti sono fermamente impegnati a sostenere la democrazia in Moldavia. Aiutiamo i nostri amici e alleati nella regione», ha detto Corkner. Il Senatore degli Stati Uniti ha comunque sottolineato che gli interessi americani nella regione non sono una reazione a breve termine per i recenti avvenimenti in Ucraina o dovuti a mutevoli atteggiamenti della politica americana verso l’ Europa dell’Est, ma celano un reale interesse verso la Moldavia. Timofti e Corker hanno discusso anche del conflitto moldavo – transnistriano di cooperazione economica, energetica, e altre questioni di reciproco interesse.
La Moldavia, in questi giorni, forte anche dell’appoggio USA ha intenzione di ridurre le trasmissioni televisive di lingua russa. Fonte il presidente del Partito socialdemocratico Victor Selin da IA REGNUM. La scelta però, sostiene Selin, potrebbe infiammare i filo-russi e arrivare a Donetsk.
«Se si effettua questa decisione, lo stato d’animo di protesta in Moldova raggiungerà il suo picco e per analogia con l’Ucraina può comportare l’istituzione di autorità parallele. I cittadini della Moldova potrebbe aderire e familiarizzare con i separatisti a Slavyansk, Donetsk, Horlivka. Chiunque capisce che questo può accadere in Gagauzia, Balti e in molte altre città, per questo consigliano le autorità di fermarsi e di non prendere provvedimenti per violare i diritti dei cittadini di accedere alle informazioni, così come non violare la stampa russa» ha detto il politico. IA REGNUM ha riferito che Il Coordinamento del Consiglio audiovisivo (BCC) della Moldova ha annunciato l’inizio dei blocchi informativi sui canali russi, nonché il monitoraggio dei canali televisivi russi, monitoraggio che ha portato alla decisione sulle limitazioni. La decisione è stata presa su richiesta del deputato Parlamento moldavo del Partito Liberale Ana Gutu , che ha detto che i canali televisivi russi «sono impegnati nella propaganda aggressiva, che causa un avvelenamento dell’opinione pubblica, nel pieno spirito sciovinista di incitare incitare l’odio etnico per giustificare l’annessione della Crimea Russia». A sua volta, il Ministero degli Affari Esteri della Moldova Natalia Gherman ha detto che le autorità moldave sono preoccupate per la “attività insolita” dei media russi nel promuovere l’idea di integrazione eurasiatica della Moldavia. Secondo lei, c’è in realtà una «campagna di informazione su larga scala» gli sforzi delle autorità russe e moldave per spiegare i benefici della «integrazione europea» non era sufficiente a “«superare il messaggio di andare dalla parte russa». Le autorità della Gagauzia hanno dichiarato la loro intenzione di impedire la chiusura di canali televisivi russi radiodiffusione nella regione.