MOLDAVIA. La Transinistria prevede il 20% di contrazione economica

114

Il governo della regione separatista della Transnistria, in Moldavia, ha deciso di ridurre la spesa per lo sviluppo al fine di garantire il pagamento sicuro delle prestazioni sociali, nel contesto di una grave contrazione economica prevista al 17-20% quest’anno. La Transnistria stima che la sua economia si sia espansa del 40% nel 2021, dopo l’”anno pandemico” 2020, ma ora è gravemente colpita dalla guerra tra l’Ucraina e la Russia.

Durante una riunione convocata dal leader dell’autoproclamata repubblica transnistriana, Vadim Krasnoselsky, il primo Ministro della repubblica Alexandr Martynov ha parlato dei problemi posti dalla guerra in Ucraina: a partire dal blocco delle esportazioni e delle importazioni fino ai costosi cambiamenti nelle catene logistiche e alla conseguente riduzione della produzione.

Martynov ha osservato che, sebbene dopo quattro mesi le entrate di bilancio siano in linea con gli indicatori previsti, il bilancio locale deve essere rivisto, poiché le stime indicano che andranno perse entrate per quasi 590 milioni di rubli transnistriani, circa 36 milioni di dollari; il Pil della Transnistria si aggira intorno a 1 miliardo di dollari, riporta BneIntelliNews.

Secondo Martynov, la revisione dei programmi di sviluppo consentirà di risparmiare circa 642 milioni di rubli transnistriani per coprire le mancate entrate e permettere alle autorità di far fronte a tutti i loro obblighi sociali.

Separatamente, i funzionari moldavi hanno dichiarato di non credere che il governo della repubblica separata voglia un’escalation della situazione o che la Transnistria o l’intera Moldavia vengano coinvolte nella guerra. Sia il ministro degli Esteri Nicu Popescu che il presidente del Parlamento Igor Grosu hanno commentato la situazione di recente, a seguito di una serie di esplosioni inspiegabili in obiettivi all’interno della Transnistria.

Popescu ha dichiarato alla Reuters a Bruxelles che «elementi interni» alla Transnistria stanno cercando di destabilizzare l’area e di alimentare le tensioni. Nel frattempo, Grosu ha dichiarato che le autorità della Transnistria desiderano calmare la situazione e non sostengono la fazione favorevole alla guerra: «Ci sono due campi sulla riva sinistra del Dniester. Ce n’è uno favorevole alla guerra, che probabilmente vuole peggiorare la situazione, e ce n’è un altro – più pragmatico, più orientato agli affari, che ha aziende in loco e non vuole inasprire il conflitto, il coinvolgimento di questo territorio nelle azioni in Ucraina», ha spiegato all’emittente pubblica Moldova1.

Il portavoce del Parlamento ha confermato che le autorità moldave hanno fiducia nelle autorità della regione separatista e non vogliono un’escalation del conflitto.

«Le conclusioni che possiamo trarre ora sono che la cosiddetta amministrazione della Transnistria capisce quanto sia pericoloso destabilizzare la situazione e inasprire il conflitto, è contraria e non sostiene il gruppo favorevole alla guerra. A livello sociale e a livello della cosiddetta amministrazione, vediamo le naturali preoccupazioni e la paura di una possibile escalation della situazione che non vogliono», ha detto Grosu.

Anna Lotti