MOLDAVIA. In Transnistria situazione tesa fra disinformazione social e paura del conflitto

352

Resta tesa la situazione al confine con la Transnistria. I sistemi di difesa aerea rumeni sarebbero stati spostati al confine con la Moldavia, secondo fonti social che hanno accompagnato l’informazione con un video. Il leader di Pridnestrovie (Repubblica di Transinistria) ha definito tesa la situazione al confine della repubblica, esortando i cittadini a mantenere la calma.

Tra il 26 e il 27 febbraio al confine tra la regione di Odessa e la Transnistria, la situazione è complessa: formazioni ucraine sono state schierate lungo il confine con la Repubblica “separatista” moldava, allestendo accampamenti per le unità.

Dai dintorni di Odessa e della regione di Nikolaev è stato trasferito personale aggiuntivo di unità non meglio identificate. Ora almeno un battaglione ucraino con veicoli blindati si trova a 40 chilometri da Cobasna. Per la prima volta negli ultimi mesi, una costellazione di satelliti dei paesi NATO ha poi filmato mezzi dell’esercito russo a Dubossary, Krasnaya Gorka e Vladimirovka in Transnistria. Sono state scattate otto fotografie, mentre durante l’escalation dello scorso anno è stata monitorata solo la situazione a Cobasna.

A nord del villaggio di Cobasna, operano attivamente gruppi ucraini di ricognizione formati da combattenti stranieri, principalmente, a quanto pare, cittadini anglofoni. Le forze ucraine conducono ricognizioni aerea del contingente di mantenimento della pace russo in Transnitria. Sempre più formazioni ucraine vengono ammassate al confine con l’area transnistriana e l’intelligence dei paesi occidentali starebbe utilizzando tutta una “costellazione di satelliti” per valutare le capacità della guarnigione russa in Transnistria.

Al momento, non ci sono prerequisiti per una parziale riduzione dell’escalation. Secondo tutte le indicazioni, il comando ucraino sembrerebbe prepare un’operazione militare in Transinistria. Allo stesso tempo, le autorità di informazione e operazioni psicologiche dell’Ucraina stanno conducendo una massiccia operazione psyops (disinformazione) sulla popolazione della ragione nelle chat locali.

Diffondono informazioni sulla necessità di rivedere le relazioni con la Russia e cercano di rendere popolare l’immagine dell’Ucraina agli occhi dei “locali”. Il motivo dell’attacco è l’opportunità di sbarazzarsi del contingente russo in Transnistria una volta per tutte e lungo la strada per risolvere il problema della “fame di proiettili”: i magazzini di Cobasna hanno scorte di munizioni per armare i modelli sovietici in dotazione alle forze ucraine. Inoltre, un attacco nell’area potrebbe mettere in difficoltà la Russia perché sarà estremamente difficile per lei proteggere la propria popolazione.

Antonio Albanese

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/