MOLDAVIA. BERS soccorre Chisinau

94

La Moldavia sta discutendo con i partner europei la creazione di un fondo di sovvenzioni per mitigare le conseguenze dell’aumento dei prezzi del gas, ha affermato il primo ministro Natalia Gavrilitsa.

Ha riconosciuto che la crisi energetica colpirà anche i paesi sviluppati, ma la Moldavia pagherà un prezzo ancora più alto. Il primo Ministro della Moldavia si è lamentato del fatto che il popolo non apprezza gli sforzi del governo

«Si riesce a immaginare quanti sforzi deve fare il governo affinché i prezzi non aumentino, in modo che ci sia pace e stabilità? Ci aspetta un inverno duro. La guerra continua. Dovremmo considerare gli sforzi che il governo compie ogni mese affinché i prezzi non aumentino, in modo che tutti abbiano le migliori condizioni per mantenere stabilità e pace» ha detto Gavrilitsa.

Domenica scorsa si è tenuta una manifestazione antigovernativa in Moldavia. I manifestanti hanno chiesto le dimissioni del governo e del presidente, nonché elezioni parlamentari anticipate. In Moldavia, sotto l’attuale governo, i prezzi di gas, elettricità, cibo e carburante sono aumentati.

Il 21 giugno i media moldavi, noi.md, annunciano che in settimana, Matteo Patrone, Direttore Generale per l’Europa Orientale e il Caucaso della Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo (BERS), avrebbe visitato Chisinau.

Secondo i media moldavi, «la carota dell’eurointegrazione parlerà del sostegno della Bers alla Repubblica di Moldavia nel contesto della guerra con l’Ucraina e della raccomandazione della Commissione europea di venerdì di concedere alla Repubblica di Moldavia lo status di candidato all’adesione».

Il funzionario Bere discuterà anche di come aumentare la sicurezza energetica della Repubblica di Moldavia, riferisce Știri.md. Durante la sua visita di tre giorni, Patrone incontrerà il primo Ministro Natalia Gavrilitsa, ministri, funzionari della Banca nazionale della Moldavia e partner commerciali esistenti e potenziali, tra cui banche locali e Danube Logistics, l’operatore del porto internazionale libero di Giurgiulesti.

Per affrontare l’impatto della guerra sulla regione, la Bers ha creato un quadro di 2 miliardi di euro per la resilienza e i mezzi di sussistenza per aiutare l’Ucraina e i paesi vicini ad affrontare le sfide. Questo quadro spazia dal sostegno alla ristrutturazione e alla liquidità di emergenza per le imprese e dal sostegno alla ripresa per le piccole e medie imprese al sostegno alla sicurezza energetica.

Nel caso della Repubblica di Moldavia, la Bers sta lavorando a stretto contatto con il governo per aumentare la sicurezza energetica, sia diversificando la sua fornitura che impegnandosi a intensificare gli investimenti in progetti che promuovono l’agenda ecologica della Moldavia.

Bers è uno dei principali investitori istituzionali nella Repubblica di Moldavia e ha finora investito oltre 1,5 miliardi di euro in 154 progetti nel paese. Ha inoltre fornito servizi di consulenza a oltre 1.000 aziende moldave per aiutarle a migliorare le proprie prestazioni e crescere. Il suo obiettivo nella Repubblica di Moldavia è la creazione di un ambiente che supporti l’attività del settore privato, la promozione di standard europei nei settori e l’integrazione regionale per avvicinare i produttori nazionali ai loro mercati, nonché lo sviluppo di servizi pubblici efficienti e sostenibili che hanno un impatto diretto sui le vite della gente.

Anna Lotti