Caro titanio per la Russia, colpa dell’Ucraina

93

RUSSIA – Mosca. 18/11/14. Un produttore russo di titanio VSMPO a causa di interruzioni nelle forniture dall’Ucraina ha cominciato a comprare grandi quantità di questo minerale (ilmenite) in Senegal.

A dirlo in un comunicato stampa la stessa società. L’azienda compra altre quantità dall’Australia che però ha poco da dare rispetto alle necessità, ed ecco che spunta il Sud Africa ricco di questo minerale. Secondo il Servizio federale delle dogane, ilmenite arrivato dal Senegal nel solo mese di settembre di quest’anno ammonta a 5300 tonnellate per un valore 1,74 milioni dollari. Avisma, che rappresenta il 90% del mercato russo del titanio, dipendente completamente dalle importazioni di materie prime almeno fino a quando il suo giacimento non verra “riaperto”. Fino al 2014, praticamente tutte le importazioni di minerale di titanio per Avisma (partecipazione di controllo – nella gestione, il blocco – a società statale Rostec) venivano dall’Ucraina, il volume dell’offerta, secondo il TCF nel 2012 e nel 2013 era pari a 111.200 e 119.300 di tonnellate, per un totale di 120 milioni di dollari. Nel 2014, dall’Ucraina sono arrivate 93.300. di tonnellate per un valore di 34 milioni di dollari. Il rappresentante di Avisma, ha detto alla testata “Izvestia”, che l’azienda ha ricevuto il minerale per 8-10 mesi, dopo di che si è registrata una battuta di arresto. Non solo, secondo il servizio stampa dell’azienda, alla luce degli attuali sviluppi in Ucraina, Avisma cercherà nuovi fornitori. Tutte le consegne del minerale ucraino provenivano da Irshansk e Volnogorsk GOKov che hanno visto passare la proprietà nel settembre di quest’anno dall’ucraino uomo d’affari Dmitry Firtash che controllava la regione del Dnipropetrovsk, all’oligarca ucraino Igor Kolomoisky (attualmente ricopre la carica di governatore della regione di Dnipropetrovsk ). In Ucraina, VSMPO ha due aziende contanti di insediamenti minerari “VSMPO Titan Ucraina” impegnata nella produzione di tubi in titanio e Demurinsky che è stata ceduta al governo coreano che dal 2016 estrarrà il minerale. E proprio a Demurinsky quest’anno è passata sotto il controllo di Kolomoiskiy. All’inizio dell’anno il nuovo governatore ha presentato una denuncia al procuratore ucraino al Tribunale economico di Dnipropetrovsk riconoscere la nullità del contratto per estendere l’area locazione di 7,65 ettari, in cui si trova il campo, come «una cava per l’estrazione di minerale di titanio è stato convertito in terreni agricoli». Nel mese di aprile, il giudice ha accolto la domanda, e il 23 ottobre l’ufficio del procuratore generale ucraino ha riferito che la terra verrà data alla amministrazione regionale Dnipropetrovsk. Nel 2014, oltre all’Ucraina, “VSMPO” ha acquistato minerale di titanio da Australia, Sierra Leone, Tailandia e Sud Africa. Sulla base delle statistiche del FCS è anche possibile concludere che “Avisma” è in gran parte riorientato sul’ Sud Africa (visto che l’Australia tra i paesi che sostengono più attivamente sanzioni contro la Russia). I principali tipi di minerale di titanio, che consuma “VSMPO” – ilmenite (contenuto medio del titanio nel minerale 54%) e rutilo (contenuto di titanio del minerale è non inferiore al 95%). Secondo il Servizio federale delle dogane, il prezzo di ilmenite dal Senegal a 326 dollari per tonnellata, mentre il prezzo medio di ucraini minerale di titanio nel 2014 è stato di $ 370 per tonnellata, ma minerale ucraino più ricco – a un tasso del 54%, il contenuto di titanio nel minerale è del 63%. Gli altri fornitori dell’impresa acquisita rutilo. Secondo il Servizio federale delle dogane, il prezzo medio di rutilo da Australia, Thailandia, Sierra Leone e il Sud Africa è stato di $ 1257, $ 1641, $ 1062, $ 1602 rispettivamente. “Avisma”, ha dichiarato che si aspetta di trovare nuovi fornitori di materie prime per la conferenza di Shanghai, che si terrà nel mese di novembre-dicembre di quest’anno. Allo stesso tempo, il prezzo sul mercato cinese di titanio concentrato è sceso sotto costo fino a 154 dollari per tonnellata (per il minerale con una media di titanio 54% ).
In Russia, “Avisma” ha un solo campo di “titanio”, acquisito nel 2011 nella regione di Tambov ed è il più grande deposito di minerale di titanio in Russia. Ma nella miniera momento è in fase di sviluppo e la produzione è ferma. Secondo il CEO della società Michael Vojvodina, dopo aver ampliato il campo Avisma avrà ilmenite per i prossimi 100 anni. Secondo la banca dati SPARK, nel 2013 il fatturato della società è stato 1,41 miliardi dollari, l’utile netto di 227,6 milioni dollari per il primo semestre del 2014, l’utile netto è stato di 137 milioni dollari. I principali consumatori “Avisma” sono aziende del settore automobilistico e aereo: Boeing, Rolls Royce, Airbus Group (il nome prima del gennaio 2014 – EADS, leader del settore aerospaziale europeo), Embraer (produttore di aerei brasiliano) e così via.