MIGRANTI. Tecnologia futuristica per bloccare i flussi verso l’UE

53

La polizia di frontiera greca sta usando un cannone sonoro alla frontiera con la Turchia; fa parte di una vasta gamma di barriere fisiche e sperimentali digitali che vengono installate e testate durante i mesi tranquilli della pandemia di coronavirus luogo i 200 chilometri di confine greco con la Turchia per fermare le persone che entrano illegalmente nell’Unione europea. Un nuovo muro d’acciaio, simile alla recente costruzione sul confine tra Stati Uniti e Messico, blocca i punti di passaggio comunemente usati lungo il fiume Evros che separa i due paesi.

Le torri di osservazione vicine sono state dotate di telecamere a lungo raggio, visione notturna e sensori multipli. I dati saranno inviati ai centri di controllo per segnalare movimenti sospetti utilizzando l’analisi dell’intelligenza artificiale, riporta Ap.

L’Ue ha versato 3 miliardi di euro nella ricerca tecnologica sulla sicurezza dopo la crisi dei rifugiati nel 2015-16, quando più di 1 milione di persone, molte in fuga dalle guerre in Siria, Iraq e Afghanistan, sono fuggite in Grecia e in altri paesi dell’Unione.

La rete di sorveglianza automatizzata che si sta costruendo sul confine greco-turco ha lo scopo di individuare precocemente i migranti e dissuaderli dall’attraversare, con pattuglie fluviali e terrestri che utilizzano proiettori e dispositivi acustici a lungo raggio.

Gli elementi chiave della rete saranno lanciati entro la fine dell’anno. I ricercatori delle università di tutta Europa, lavorando con aziende private, hanno sviluppato una tecnologia futuristica di sorveglianza e verifica, e hanno testato più di una dozzina di progetti ai confini greci.

Sono stati creati rilevatori alimentati dall’intelligenza artificiale e bot virtuali, così come l’integrazione dei dati satellitari con le riprese dei droni a terra, in aria, in mare e sott’acqua; scanner palmari registrano le vena nella mano di una persona da usare come identificatore biometrico, e così via. I test sono stati condotti anche in Ungheria, Lettonia e altrove lungo il perimetro orientale dell’Ue.

Una strategia migratoria più aggressiva è stata avanzata dai politici europei negli ultimi cinque anni, finanziando accordi con i paesi mediterranei per trattenere i migranti e trasformando l’agenzia di protezione delle frontiere dell’Ue, Frontex, da un meccanismo di coordinamento a una vera e propria forza di sicurezza multinazionale.

Ma gli accordi regionali sulla migrazione hanno lasciato l’Ue esposta alla pressione politica dei vicini. All’inizio di questo mese, diverse migliaia di migranti hanno attraversato il confine dal Marocco nell’enclave spagnola di Ceuta in un solo giorno, spingendo la Spagna a schierare l’esercito. Una crisi simile si è sviluppata sul confine greco-turco ed è durata tre settimane l’anno scorso.

La Grecia sta facendo pressione sull’Ue per permettere a Frontex di pattugliare al di fuori delle sue acque territoriali per fermare i migranti che raggiungono Lesbo e altre isole greche, la rotta più comune in Europa per l’attraversamento illegale negli ultimi anni.

Armate di nuovi strumenti tecnologici, le autorità europee preposte all’applicazione della legge si stanno spingendo oltre i confini. Non tutti i programmi di sorveglianza in fase di test saranno inclusi nel nuovo sistema di rilevamento, ma i gruppi per i diritti umani dicono che la tecnologia emergente renderà ancora più difficile per i rifugiati in fuga da guerre e difficoltà estreme trovare la sicurezza.

I flussi migratori hanno rallentato in molte parti d’Europa durante la pandemia, interrompendo un aumento registrato negli anni. In Grecia, per esempio, il numero di arrivi è sceso da quasi 75.000 nel 2019 a 15.700 nel 2020, un calo del 78%. Ma la pressione è destinata a tornare. Tra il 2000 e il 2020, la popolazione migrante mondiale è aumentata di oltre l’80% per raggiungere 272 milioni, secondo i dati delle Nazioni Unite, superando velocemente la crescita della popolazione internazionale.

Antonio Albanese