MIGRANTI. Anche nel 2019 è stata superata la soglia di mille morti

84

Più di mille migranti e rifugiati sono morti quest’anno nel Mar Mediterraneo. È il sesto anno di fila che questa “triste pietra miliare” è stata raggiunta, hanno dichiarato il 1 ottobre le Nazioni Unite.

L’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati, Unhcr, ha chiesto agli Stati membri dell’Unione Europea , Ue, di riattivare le operazioni di ricerca e salvataggio e riconoscere il ruolo cruciale delle navi dei gruppi di aiuto nel salvare vite umane in mare. «La tragedia del Mediterraneo non può continuare», ha dichiarato in un comunicato Charlie Yaxley, portavoce dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati, riporta Reuters.

I corpi di cinque migranti sono stati trovati il 30 settembre scorso sulla costa atlantica del Marocco vicino a Casablanca, portando a 12 il numero di morti quando la loro barca si è capovolta il 28 settembre, ha riferito l’agenzia di stampa statale marocchina Mpa. 

L’Ue ha raggiunto un accordo con Ankara nel 2016 per tagliare i flussi di rifugiati e migranti dalla Turchia verso la Grecia. Le partenze, ora deviate in gran parte anche attraverso la Libia e altre parti del Nord Africa, sono scese drasticamente da un picco di oltre 1 milione nel 2015 a circa 78.000, come mostrano i dati dell’Unhcr. «Naturalmente il numero di persone che tentano di attraversare il Mediterraneo è molto più basso. Quindi, questo indica il fatto che i viaggi stessi sono molto più pericolosi», ha detto Liz Throssell, portavoce dell’Unhcr, alla Reuters Television.

«Vale anche la pena di sottolineare che il 70 per cento dei decessi avviene effettivamente nel Mediterraneo centrale, vale a dire persone che tentano di arrivare dalla Libia attraverso l’Italia o Malta», ha aggiunto Throssell.

Dal 2014, secondo i dati dell’Unhcr e del sito web dell’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni delle Nazioni Unite,Oim, più di 18.000 persone hanno perso la vita nel Mediterraneo.

Antonio Albanese