MESSICO. Sempre più vicina la legalizzazione della cannabis “ricreativa”

227

I messicani reagiranno in modo responsabile alla legalizzazione della marijuana ricreativa, ha detto la scorsa settimana il presidente Andres Manuel Lopez Obrador: «Se qualcosa è autorizzato, qualcosa è permesso, allora le persone agiscono con responsabilità. E credo che questo accadrà con questa nuova legislazione sull’uso della marijuana», ha detto il presidente.

Il Senato del Messico ha approvato la legge la scorsa settimana e la Camera bassa del Congresso dovrebbe seguire il parere.

Il Presidente, che da tempo sostiene la legalizzazione della marijuana medicinale mentre esprimeva riserve sull’uso ricreativo, ha detto che è necessario «avere fiducia nelle persone e cercare di fare del bene (…) Ora con la pandemia è stato chiarito che è possibile affrontare situazioni difficili e dolorose con la partecipazione consapevole dei cittadini, che possiamo badare a noi stessi», ha detto Obrador.

Il Covid-19 ha causato finora 104mila vittime in Messico, dove il numero di casi confermati ha recentemente superato il milione.

Il presidente di sinistra si è rivolto al disegno di legge sulla marijuana ricreativa dopo aver avanzato la sua proposta di un nuovo codice etico per guidare i messicani, descrivendo entrambi come espressioni di un “cambiamento di mentalità”: «C’è più responsabilità sociale, più consapevolezza, e la legalizzazione della marijuana fa parte dell’obiettivo di realizzare una rivoluzione della coscienza in cui ognuno di noi diventa responsabile delle proprie azioni (…) Le cose non sono imposte, possiamo imparare a controllarci e ad agire in libertà».

La legislazione legalizzerebbe la coltivazione, la distribuzione e il consumo di cannabis in Messico, anche se con un regolamento federale. Ogni famiglia avrebbe il permesso di coltivare fino a otto piante in vaso e gli adulti sarebbero liberi di fumare marijuana in privato, purché non siano presenti minori.

Altre disposizioni stabilirebbero un processo di licenza per i coltivatori e consentirebbero lo sviluppo e la vendita di prodotti commestibili di cannabis non psicoattivi e di altri derivati.

Maddalena Ingrao