Messico, nasce il sistema di comunità cellulare

66

MESSICO – Città del Messico. 18/09/13. Nasce in un piccolo villaggio zapoteco nelle montagne del Messico Meridionale, Talea de Castro, il primo sistema di comunità cellulare.

Per chiamare da e per Talea de Castro bisognava raggiungere il paese e recarsi nell’unico negozio per spendere i soldi di una intera giornata di lavoro per 5 minuti conversazione. Davvero troppo. Poi un pool di persone hanno ideato un sistema di interconnettività comunitaria. Una dorata di mini stazione di telecomunicazioni. Una radio, un portatile, tecnologie interconnettività relativamente a buon mercato hanno permesso di fare 11 telefonate in un solo momento a un prezzo davvero vantaggioso.

Questo sistema potrebbe essere utilizzato in tutti i piccoli villaggi del Messico attualmente isolati. «Il progetto nasce da una esigenza di comunicazione», ha detto Keyla Ramirez Cruz, residente di Talea, che ha un programma di radio comunitaria e coordina il nuovo sistema telefonico. Prima della creazione del sistema, i 2.500 residenti del villaggio si recavano in un negozio con una linea telefonica fissa e pagavano una tassa di più di un dollaro al minuto.
Per le chiamate in entrata era peggio: c’era una persona che andava di corsa a cercare le persone “chiamate”. Ora quasi nessuno nel villaggio utilizzato la cabina .

In soli sei mesi, più di 720 residenti hanno firmato un contratto per poter utilizzare il nuovo sistema. Le chiamate locali effettuate ai telefoni cellulari sono libere. Se si vuole chiamare un parente a Los Angeles, per esempio, si spende solo 20 centesimi messicani (1,5 centesimi) al minuto. Ogni abbonato ha un numero di telefono diverso. Il sistema utilizza una piccola antenna che cattura le chiamate tramite un software installato su una radio. Fondamentalmente, è una radio generica che può operare in modo più economico e semplice utilizzando meno energia perché il software fa la maggior parte del lavoro.

Questo software è gratuito, è open source e sostituisce i sistemi di cellulari complessi di proprietà di società private atte alla ricezione che trasmettono e controllano le chiamate. Il programma è anche progettato per interfacciarsi facilmente con altri servizi di telefonia basati su Internet, come Skype, ricevendo le chiamate dalla connessione alla rete globale.

Il software può essere scaricato gratuitamente da Internet ed installato su un computer portatile. Così, la città non ha bisogno di pagare le grandi aziende commerciali che ricaricano sul prezzo delle chiamate.

Ma il sistema ha presentato alcune battute d’arresto, tra cui una cattiva ricezione in alcune case situate alla periferia della comunità, o in caso di maltempo e quando vi è una momentanea perdita di servizio internet. Ma in generale il servizio funziona bene e si è dimostrato così popolare che il villaggio locale ha votato per imporre un taglio automatico delle telefonate quando una chiamata è di circa cinque minuti per evitare la linea di saturazione.
Il sistema è stato adottato dopo anni che la città era senza servizio di telefonia per mancanza di interesse da parte delle aziende di telecomunicazioni.
«Non avrebbero messo il servizio di telefono perché hanno detto che le comunità erano molto piccole, volevano almeno 5.000 abitanti», ha detto Israele Hernandez, un residente del luogo. «Ma tra le montagne di Oaxaca non sono molte comunità di più di 5.000 abitanti». Quindi hanno deciso di crearsi un sistema di comunicazione cellulare nostro, comunitario e economico.