Nuovo aeroporto per Città del Messico

177

MESSICO – Cittò del Messico 28/05/2015. Il governo messicano ha annunciato il 27 maggio il calendario della gara d’appalto per il nuovo aeroporto internazionale di Città del Messico, che sarà annunciato nel mese di giugno e che comprende, tra le altre opere, i terminal passeggeri e cargo e le piste.

Il ministro delle Comunicazioni e Trasporti, Gerardo Ruiz Esparza, ha detto che i lavori associati al progetto includono la costruzione della strada Texcoco-Piramides, che collegherà la parte orientale dello stato centrale del Messico, che circonda il Distretto Federale e fa parte del area metropolitana di Città del Messico, al nuovo aeroporto. «È già in corso. La prima fase si concluderà nel mese di giugno e la fase successiva seguirà a breve. L’idea è che sarà più facile così arrivare al nuovo aeroporto», rispetto a quello attuale, ha detto Ruiz, riportano i media messicani. Ha poi aggiunto che il progetto di espansione che aumenterà il numero di corsie della strada Città del Messico-Texcoco a 10 inizierà presto perché quella strada sarà la principale via d’accesso al nuovo aeroporto. Il progetto porterà anche benefici ambientali, secondo Ruiz: ben 670 ettari di foresta verranno piantati, così come la costruzione di 24 impianti di depurazione e altre opere idrauliche. Il costo delle opere idrauliche, tra cui anche la creazione di bacini, gallerie e canali, sarà di circa 17 miliardi di pesos (1,1 miliardi di dollari), circa il 10 per cento del totale di 169 miliardi di pesos (11 miliardi di dollari) del costo del progetto aeroportuale. Il nuovo aeroporto sarà costruito su un area di 12.500 ettari di terreno di proprietà del governo federale a Texcoco, un comune nello stato del Messico, che si trova a 25 chilometri a nord est di Città del Messico e sarà vicino all’aeroporto attuale della capitale, che ha raggiunto il limite della sua capacità di 32 milioni di utenti all’anno. Il nuovo aeroporto è uno dei progetti infrastrutturali firmati dall’amministrazione del presidente Enrique Peña Nieto e dovrà essere in grado di gestire 50 milioni di passeggeri ogni anno nella sua fase iniziale a tre piste. Una volta completato, l’aeroporto avrà la capacità di gestire 1 milione di operazioni (decolli e atterraggi) e 120 milioni di passeggeri all’anno.