Quarantena a Pechino, Hong Kong e Seul per la MERS

47

CINA – Pechino 03/06/0215. Le autorità di Pechino e quelle di Hong Kong hanno messo in quarantena 88 persone, tra cui 14 sudcoreani, che avevano avuto contatti con il paziente sudcoreano colpito dalla Mers, a partire dal 3 giugno.

Secondo quanto riporta l’agenzia sudcoreana Yonhap, nelle due città sono state intensificate le misure precauzionali contro la sindrome respiratoria Medio Oriente dopo il terzo caso riscontrato dal 29 maggio. La salute del paziente numero 1, che è volato a Hong Kong il 26 maggio e da lì è andato nella provincia cinese del Guangdong in autobus, oggi ricoverato in quarantena presso lo Huizhou Municipal Central Hospital nel Guangdong, è in condizioni stabili. La Corea del Sud, che ha registrato il suo primo caso di Mers il 20 maggio, sta cercando di contenere un’epidemia, cha ha già fatto due morti; il 3 giungo Seul ha confermato cinque casi di Mers, portando il totale a 30, mentre, come riporta Sputnik, ben 1300 sono state messe in quarantena. Anche la Corea die Nord si starebbe attrezzando attraverso la creazione id una task force medica per arginare il problema nel suo territorio. Più di 200 scuole, nella provincia nord-occidentale di Gyeonggi, sono state chiuse per una settimana dove la segnalazione dei primi dei decessi per Mers. In Cina, i media di stato riferito che le autorità aeroportuali hanno rafforzato il monitoraggio delle temperature dei passeggeri che stanno tornando dalla Corea del Sud e dal Medio Oriente. I viaggiatori all’aeroporto internazionale di Pechino, di ritorno da questi paesi, devono riferire alle autorità se hanno avuto sintomi di febbre o tosse. Anche Hong Kong e Taiwan hanno intensificato la sorveglianza contro il virus.