Più vicino l’accordo MERCOSUR UE

54

URUGUAY – Montevideo 01/08/2014. I Membri del Mercosur hanno trovato l’accordo sul progetto di proposta unitaria per il trattato di commercio e di cooperazione da presentare all’Unione europea, secondo fonti diplomatiche uruguaiane riprese da Mercopress.

«Dopo ore di discussioni, Argentina, Brasile, Paraguay e Uruguay hanno trovato l’accordo sulla proposta di riduzione delle tariffe “da scambiare con l’Ue nel prossimo futuro», riporta Mercopress. «Certamente la discussione diventerà più intenso una volta il Brasile richiederà la presidenza del Mercosur, dal momento che nel settore industriale e in agricoltura, i governi sono pienamente impegnati a un accordo commerciale con l’Ue».
La presidenza per i prossimi sei mesi spetta all’Argentina, paese “forzato” a partecipare all’elaborazione della proposta visto che il governo del presidente Cristina Fernandez è impegnato in una politica di promozione della produzione locale. «Una volta che Bruxelles riceverà la proposta dal Mercosur, l’Ue ha già una propria lista elaborata da diverse istituzioni, e una votazione si svolgerà tra gli Stati membri», riporta l’agenzia sudamericana. Tuttavia dal momento che sarà un processo lungo e agosto è mese generalmente dedicato alle ferie il procedimento «potrebbe richiedere più tempo».
Allo stesso modo il fatto che entrambe le parti hanno finalmente concluso le proposte da scambiare non significa che un accordo sia stato raggiunto. «È un punto cruciale delle trattative, ma non l’ultimo; il passo successivo per entrambe le parti è concordare una data per lo scambio di proposte».
Originariamente lo scambio di proposte doveva avvenire nel dicembre 2013, ma il rinvio è stato concordato in modo che tutti i paesi coinvolti potessero avere la possibilità di presentare proprie iniziative per la liberalizzazione degli scambi di beni e servizi.
Il Mercosur si era fissato l’obiettivo di liberalizzare un range del 90% dei beni e servizi, ma aveva trovato ostacoli posti dall’Argentina che offriva un elenco limitato nel capitolo delle merci, e si rifiutava di lavorare su servizi e capitoli di appalti pubblici. Durante la prima metà del 2014, l’Argentina è diventata più flessibile ed è stato possibile raggiungere un unica posizione, durante il vertice di Caracas. Anche se il Venezuela è un membro a pieno titolo del Mercosur, e la Bolivia è in fase di entrata, nessuno dei due ha fatto parte dei tavoli di discussione.