MERCOSUR. A luglio cambio di presidenza: tocca all’Uruguay. Brasile e Argentina ai ferri corti 

36
Screenshot

Il mese prossimo, da giovedì 4 all’8 luglio, la presidenza pro tempore del Mercosur sarà consegnata dal Paraguay all’Uruguay, nella capitale Asunción, durante il vertice presidenziale regionale. Per l’occasione, il presidente del Paraguay Santiago Peña cederà la presidenza del Mercosur all’uruguaiano Luis Lacalle Pou. Tuttavia, sarà interessante vedere come i leader dei due maggiori paesi membri, l’ultra-liberale argentino Javier Milei e il populista brasiliano Lula da Silva, che non si parlano, affronteranno le circostanze se parteciperanno effettivamente al vertice.

Tuttavia, il relativo successo del blocco commerciale sudamericano, che ha 33 anni, sta ancora lottando per un importante accordo commerciale e di cooperazione con l’Unione Europea, concluso oltre due decenni fa, ma deve affrontare il rifiuto, o piuttosto richiedere ulteriori negoziati da parte di alcuni paesi dell’UE, principalmente la Francia, riporta MercoPress

Ma a parte le frustrazioni sulla situazione bilaterale, essa non ha impedito al Brasile, la più grande economia latinoamericana, di trarne vantaggio e di attuare alcune misure di integrazione e coesione interna applicabili al suo vasto territorio e alle sue risorse.

In effetti, nel 1995, l’allora presidente Fernando Henrique Cardoso ascoltò e accettò l’iniziativa di due ingegneri portuali brasiliani di introdurre il concetto innovativo del “Corridoio Atlantico Mercosul”. Hanno avvertito che senza l’integrazione delle regioni settentrionali e nordorientali del Brasile con i principali centri di produzione e consumo di San Paolo, queste aree rischiano di attrarre capitali statunitensi nelle infrastrutture, nella logistica e nell’industria, diluendo il potenziale integrativo del Mercosur.

In risposta, Cardoso ha lanciato il progetto, inizialmente incentrato sul collegamento di punti strategici chiamati “Tavole rotonde dell’integrazione”, sia nell’entroterra che lungo la costa dal nord al sud del Brasile.

Questo sforzo mirava a interconnettere porti come Manaus, Belém, Itaqui, Recife, Salvador, Vitória, Rio de Janeiro, Santos, São Francisco do Sul, Itajaí e Rio Grande, insieme a città dell’entroterra come Cuiabá, Brasilia, Belo Horizonte, Curitiba, e Porto Alegre nel Rio Grande do Sul, al confine con Argentina e Uruguay.

I “Tavoli di integrazione” hanno riunito gli investitori locali che hanno investito nella crescita economica delle loro regioni, tra cui armatori di navi marittime e fluviali, operatori portuali, società di trasporto, spedizionieri doganali, esportatori, importatori e operatori logistici. Riunendosi online ogni 15 giorni, hanno affrontato le questioni che ostacolano il commercio intra-Mercosur e hanno proposto soluzioni.

Il successo dell’iniziativa ha coinvolto agenzie governative brasiliane, banche di investimento, università, ONG e altri. Sono sorte discussioni anche sull’esportazione del modello nel sud-est asiatico a causa delle somiglianze operative.

Nel corso del tempo, i “Tavoli di integrazione” si estesero all’Argentina, al Paraguay e all’Uruguay, coinvolgendo non solo i terminal portuali ma anche le città dell’entroterra come Córdoba, Mendoza, Neuquén e la Terra del Fuoco. Sono stati deliberati i verbali post-sessione, favorendo alleanze e contratti strategici.

All’epoca, il Brasile mirava ad aumentare la quota del trasporto ferroviario al 21%, insieme al trasporto stradale al 63%, migliorando al tempo stesso l’efficienza del carburante e il commercio all’interno del Mercosur.

Considerati gli odierni progressi tecnologici e la rivalutazione da parte dell’UE dei vantaggi del Mercosur, il rilancio di questo progetto rappresenta un’opportunità tempestiva. Potrebbe identificare gli ostacoli commerciali, stimolare gli scambi e costruire alleanze, beneficiando del coinvolgimento di Itamaraty e Parlasul e delle reti di conoscenza guidate dalla tecnologia.

Portare più intelligenza artificiale su iPhone probabilmente solleverà problemi di privacy, un argomento su cui Apple ha fatto di tutto per assicurare ai suoi clienti fedeli che ci si può fidare di non volersi “impicciare” troppo in profondità nelle loro vite personali.

Maddalena Ingrao 

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/