MEKONG. Le mani delle Triadi sulla Nuova delle Via della Seta. Pechino lo sa?

44

La Cina si rivolge a società di sicurezza private non regolamentate per proteggere gli interessi lungo il Mekong. Secondo un rapporto dello statunitense C4ADS, le aziende stanno «aumentando il soft power della Cina», nella regione.

Molte ditte operano in una zona grigia legale e il ruolo di figure come l’ex capo della triade ‘Broken Tooth’ Wan Kuok Koi aumenta il rischio di cattiva reputazione per tutta la Cina, riporta Scmp. L’analisi C4ADS ha scoperto che 24 delle 49 compagnie di sicurezza private straniere in Cambogia e Myanmar sono di proprietà di cittadini cinesi, poiché Pechino incoraggia l’uso di queste aziende per proteggere il crescente numero di imprese e turisti cinesi.

Questo include il gruppo Zhongbao Huaan, che gestisce la sicurezza per la zona economica speciale di Sihanoukville sulla costa cambogiana, uno sviluppo che Pechino considera come il suo progetto della Belt and Road Initiative di punta nel paese.

«Fornendo supporto alle forze di sicurezza statali e aiuti in tempi di crisi sanitarie, le compagnie di sicurezza private cinesi stanno aumentando il soft power della Cina nei paesi del Mekong (…) Inoltre, lungo questa linea di azione, potrebbero servire come vettori di hard power». Gli sforzi di Pechino per far crescere un’industria della sicurezza privata per il crescente numero di imprese e cittadini nei paesi del Mekong (Laos, Cambogia, Vietnam, Thailandia e Myanmar) significa che lo stato o i militari non devono essere coinvolti.

Ma mentre le aziende possono fornire servizi importanti nelle aree, solleva anche preoccupazioni su di loro che operano in una zona grigia legale o i potenziali costi di reputazione per la Cina quando alcuni dei suoi progetti affrontano un contraccolpo nei paesi interessati.

C4ADS ha detto che le compagnie sono «scarsamente considerate nella maggior parte dei quadri legali», aggiungendo che è stato riferito che si sono già scontrate con la polizia locale in Cambogia.

Ha avvertito che le compagnie di sicurezza private, Psc, principalmente gestite da ex poliziotti e militari, possono anche attrarre figure come Wan Kuok Koi, un ex leader della triade di Macao noto come Broken Tooth

che ha fondato la sua impresa di sicurezza, Hongmen Security Company, nel 2018, e ha investito in progetti come la zona economica speciale Shwe Kokko in Myanmar.

Anche se molte delle altre società di sicurezza sono «affidabili strumenti di influenza geopolitica” per la Cina, individui come Wan, che è stato colpito da sanzioni degli Stati Uniti per corruzione nella regione, potrebbero evidenziare anche potenziali responsabilità centrali», si legge nel report.

«Non c’è nulla di intrinsecamente pericoloso in una Psc gestita da un ex ufficiale di polizia cinese che collabora con una società locale per garantire investimenti cinesi in una EDZ (…) Ma l’industria Psc fornisce anche una copertura per persone con legami con il crimine organizzato, come Wan, per gestire società armate in un paese ospite, e può quindi introdurre rischi geopolitici più ampi per i paesi ospitanti. Senza un’adeguata regolamentazione, le Psc possono portare più rischi che sicurezza». Negli ultimi anni, l’influenza cinese nella regione è aumentata insieme ai suoi investimenti nell’area, in particolare nei progetti infrastrutturali criticamente necessari nell’ambito della Belt and Road Initiative.

La Cina è ancora il più grande investitore per i paesi chiave del Mekong, fornendo il 43 per cento degli investimenti diretti esteri in Cambogia valutati a quasi 3,6 miliardi di dollari prima della pandemia nel 2019, secondo la banca centrale del paese e ha anche cercato di coltivare legami più stretti nella regione offrendo l’accesso ai vaccini durante la pandemia e informazioni sul controllo delle acque del fiume Mekong.

Antonio Albanese