MARTE. Exomars è la nuova vittima della guerra ucraina

98

L’Agenzia Spaziale Europea ha sospeso il suo programma congiunto con la Russia per inviare un rover su Marte, citando “l’impossibilità” di lavorare con il governo che ha lanciato una guerra all’Ucraina.  Giovedì, l’Esa e l’agenzia spaziale russa Roscosmos hanno entrambi annunciato misure per porre fine alla loro collaborazione, mostrando come la divisione geopolitica tra la Russia e l’Occidente stia facendo fallire la cooperazione pacifica anche nello spazio.

La missione ExoMars coinvolge un rover il cui lancio era programmato per il prossimo autunno, atterrare su Marte nel 2023, e perforare ed esplorare per segni di vita passata o presente. La Russia stava fornendo razzi per il lancio, contributi al carico utile scientifico, la piattaforma di superficie e il supporto della stazione di terra, riporta Defense One.

Questa settimana, l’organo di governo dell’Agenzia spaziale europea ha stabilito all’unanimità che la guerra in Ucraina ha creato una «attuale impossibilità di portare avanti la cooperazione in corso con Roscosmos sulla missione ExoMars rover con un lancio nel 2022», ha detto l’agenzia in un comunicato stampa. Sulla sua pagina Telegram, il direttore generale di Roscosmos Dmitry Rogozin ha definito la sospensione un “peccato” e ha detto che la Russia avrebbe perseguito il progetto da sola, e inoltre, lavorare per realizzare «la completa indipendenza dalle importazioni nella strumentazione spaziale (…) Il lavoro di migliaia di specialisti è cancellato da un pezzo di carta con la firma di qualche normale burocrate europeo», ha scritto Rogozin «È un peccato. Sì, perderemo diversi anni, ma ripeteremo il nostro lander, gli forniremo il veicolo di lancio Angara, e condurremo questa spedizione di ricerca per conto nostro dal nuovo complesso di lancio del cosmodromo di Vostochny. Senza nessun “amico europeo” con la coda tra le gambe dietro le richieste degli americani».

L’Esa ha anche detto che cercherà più indipendenza dalla Russia, non solo per la missione ExoMars, ma «tutte le missioni programmate per il lancio con Soyuz sono state messe in attesa». I funzionari dell’agenzia cercheranno modi alternativi per eseguire ExoMars senza parti o supporto russo, e cercheranno servizi di lancio alternativi per queste missioni.

La sospensione di ExoMars da parte dell’Esa segue diversi giorni di incertezza sull’altro grande sforzo di collaborazione pacifica dell’Occidente nello spazio, la Stazione Spaziale Internazionale. Il 5 marzo, Rogozin ha ripubblicato un video dei media statali che sembrava suggerire che l’astronauta americano Mark Vande Hei potrebbe essere lasciato indietro quando la navicella Soyuz della Russia partirà per la Terra il 30 marzo con altri due cosmonauti russi a bordo. 

Roscosmos ha poi detto che Vande Hei sarebbe tornato sulla Terra come previsto. Nella sua dichiarazione di giovedì, l’Esa ha detto che le operazioni della Iss continuano normalmente, e «l’obiettivo principale è quello di continuare le operazioni in sicurezza della Iss, compreso il mantenimento della sicurezza dell’equipaggio».

Anna Lotti