MAROCCO. Sovranità alimentare e Generazione Green al centro della nuova edizione del SIAM

102

Dopo tre anni di assenza, il Salone Internazionale dell’Agricoltura del Marocco (SIAM) torna quest’anno con la sua 15ª edizione. In programma dal 2 al 7 maggio 2023, l’atteso evento promette di riunire tutti gli attori del settore agricolo per «creare un vero e proprio sistema di emulazione per un’agricoltura in continua evoluzione», secondo gli organizzatori. L’edizione 2023 del SIAM si svolgerà all’insegna del tema “Generazione Verde, per una sovranità alimentare sostenibile”.

In occasione di una conferenza tenutasi martedì a Rabat, il Ministro dell’Agricoltura, della Pesca marittima, dello Sviluppo rurale, delle Acque e delle Foreste l’ha definita un «evento importante che inquadra l’agenda agricola del Marocco». «Il SIAM si è sviluppato molto da quando, nel 2008, è stato varato il Piano Marocco Verde, che gli ha conferito un quadro e un dinamismo», ha dichiarato Mohamed Sadiki, ricordando l’impatto del salone sui professionisti dei prodotti locali, in quanto rappresenta per loro un’occasione di «follow-up, formazione e orientamento e per rimanere informati sui nuovi sviluppi», riporta Yabiladi.

A livello internazionale, «il salone continua a contribuire all’influenza dell’agricoltura e del Marocco», ha dichiarato, ricordando la partecipazione di 65 Paesi all’edizione precedente, tra cui un gran numero dal continente africano. «È un incontro internazionale che rappresenta uno degli eventi più importanti dell’agenda agricola. È un’occasione di incontro tra operatori, professionisti, scienziati ed esperti del settore, ma è anche un luogo di esposizione e vendita di prodotti locali e di tutte le macchine agricole», ha detto Sadiki.

Per il ministro, la fiera sarà anche l’occasione per organizzare una serie di attività parallele, «come la Conferenza sull’agricoltura marocchina sulla sovranità alimentare e su ciò che la Generazione Verde può fare per garantirne la sostenibilità (…) Sarà anche un’occasione per conoscere i nuovi sviluppi e l’uso dell’energia verde nel settore agricolo. Il tema dell’acqua sarà affrontato anche da diverse angolazioni, scientifiche, ma anche tecniche e tecnologiche, in termini di innovazione in relazione al sistema di irrigazione, ma anche alla mobilitazione di acqua non convenzionale, come la desalinizzazione dell’acqua di mare dove il nostro Paese ha fatto un passo molto importante», ha detto. E cita il «perimetro di Ait Baha ora irrigato con acqua di mare desalinizzata, ma anche il progetto Dakhla che prevede la creazione di 5.000 ettari».

Tornando al tema della mostra, il ministro Sadiki ha ricordato che dal 2020 il mondo sta vivendo un “periodo senza precedenti” che ha un impatto sulla vita dei cittadini e dà origine a diverse “crisi”, unite a una prolungata siccità. Ha ricordato che durante il confino legato alla crisi sanitaria, i settori produttivi e l’agricoltura hanno proseguito allo stesso ritmo per garantire la sicurezza alimentare e rifornire il mercato interno. Secondo il Ministro, questo periodo ha permesso di trarre insegnamenti, soprattutto in termini di “capacità produttiva e di resilienza”.

Per Mohamed Sadiki, la “parola d’ordine” di questa fase rimane “sovranità alimentare”. «L’anno 2020 è stato un passo importante per valutare il Piano Marocco Verde e i suoi risultati. Queste sfide diventano obiettivi per Generation Green», ha ricordato, evidenziando un piano che «mette le persone al centro dell’equazione» e mira a «uno sviluppo sostenibile nel mondo rurale creando una classe media agricola, espandendola e attirando i giovani verso l’agricoltura».

Per la sua 15ª edizione, il SIAM ha scelto il Regno Unito come ospite d’onore. «È un piacere essere l’ospite d’onore. È una grande opportunità per presentare l’esperienza britannica nel settore e per accompagnare e sfruttare il potenziale di cooperazione» tra i due Paesi, ha dichiarato l’ambasciatore britannico in Marocco, Simon Martin.

Il diplomatico ha ricordato che questa scelta arriva “due anni dopo l’accordo di associazione” concluso tra i due Paesi e che “ha rafforzato” i loro scambi commerciali. Simon Martin ha osservato che nel secondo trimestre del 2022 questo scambio ha raggiunto i 32 miliardi di dirham.

«Oltre il 50% di questi scambi è rappresentato da esportazioni dal Marocco verso il Regno Unito, mentre la frutta e la verdura rappresentano più di un terzo di queste esportazioni», ha dichiarato, sottolineando che la partecipazione del Regno Unito al SIAM sarà «una buona opportunità per presentare le capacità e il know-how del settore agricolo britannico» e per «stabilire partenariati con le aziende marocchine».

Da parte sua, Jaouad Chami, Commissario Generale della Fiera, ha presentato le novità di questa edizione, sottolineando che la fiera si estenderà sulla stessa area dell’edizione precedente, con in particolare 10 poli. Vi parteciperanno 1.400 espositori provenienti da 65 Paesi. Sono attesi tra i 900.000 e il milione di visitatori per questa 15a edizione, che sarà caratterizzata anche da 40 conferenze e 50 convention firmate, “con un focus sugli incontri BtoB”.

«Durante la preparazione di questa edizione, abbiamo notato che tutti i nostri partner, sponsor o espositori, hanno mostrato un grande interesse per il ritorno del SIAM. Questo interesse è percepibile anche a livello africano e internazionale», ha assicurato Chami.

Redazione

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/