MAROCCO. Accordo sulla Difesa fra Rabat e Gerusalemme

101

Il ministro della Difesa israeliano Benny Gantz ha firmato il 24 novembre un memorandum d’intesa con la sua controparte marocchina, il primo accordo del genere tra Israele e uno stato arabo. L’accordo ha formalizzato i legami di Difesa tra i due paesi, permettendo una cooperazione più fluida tra le loro industrie della Difesa e rendendo più facile per Israele vendere armi al regno nordafricano.

Con la firma del Mou, i ministeri della Difesa e le forze armate dei due paesi possono parlare più facilmente tra loro e condividere informazioni, mentre in passato tale comunicazione era possibile solo attraverso i rispettivi servizi segreti: «Permetterà l’inizio della cooperazione ufficiale di sicurezza tra i due paesi. L’accordo include la formalizzazione della condivisione dell’intelligence e permetterà i legami tra le loro industrie della difesa, l’approvvigionamento della difesa e le esercitazioni congiunte», ha detto il ministero della Difesa di Tel Aviv ripreso da Times of Israel.

Un funzionario del ministero della Difesa ha detto che mentre Israele mantiene stretti legami di sicurezza con la Giordania e l’Egitto, con i quali ha anche accordi di pace, non ha protocolli d’intesa con loro, rendendo l’accordo con il Marocco “senza precedenti”. «Abbiamo appena firmato un accordo di cooperazione militare – con tutto ciò che implica – con la nazione del Marocco. Questo è un evento molto significativo che ci permetterà di entrare in progetti comuni e di permettere le esportazioni [di difesa] israeliane qui. Penso che i legami tra il Marocco e Israele devono continuare ad avvicinarsi, continuare a svilupparsi ed espandersi, e sono lieto che abbiamo un ruolo da svolgere in questo», ha detto Gantz dopo la firma.

Gantz è arrivato nella capitale marocchina il 23 novembre per la prima visita ufficiale di un ministro della Difesa israeliano nel paese, dopo che i due hanno normalizzato i legami l’anno scorso. Gatz ha incontrato la sua controparte, Abdellatif Loudiyi, per firmare i Memoranda. Prima del viaggio, Gantz ha detto che l’obiettivo era rafforzare i legami tra Gerusalemme e Rabat, che ha ripreso le relazioni diplomatiche l’anno scorso come parte degli Accordi di Abramo. Come parte dell’accordo, Washington ha riconosciuto la sovranità marocchina sul territorio conteso del Sahara occidentale.

Con questi accordi, Israele ha anche normalizzato i legami con gli Emirati Arabi Uniti e il Bahrein e, in linea di principio, con il Sudan, anche se la situazione politica di questo paese ha reso difficile la firma di un accordo formale.

Per il Marocco, la visita del ministro della difesa israeliano, il cui ufficio può approvare la vendita di armi e sistemi di difesa israeliani avanzati, serve probabilmente come un segnale di forza alla sua vicina Algeria, con la quale è in contrasto per il suo sostegno al movimento del Fronte Polisario, che chiede uno stato indipendente nel Sahara occidentale.

Dall’anno scorso, dopo che i due paesi hanno normalizzato i legami, Gerusalemme e Rabat hanno firmato una serie di protocolli d’intesa su questioni come l’aviazione civile, le perforazioni petrolifere, la ricerca sulle risorse idriche e la finanza. I due paesi hanno anche riaperto i loro rispettivi uffici di collegamento, che erano stati chiusi dopo che il Marocco aveva interrotto i legami con Israele all’inizio della seconda Intifada nel 2000.

Il ministro degli Esteri Yair Lapid aveva visitato il Marocco in agosto per aprire ufficialmente l’ufficio di collegamento israeliano a Rabat; i due paesi progettano di convertire alla fine questi uffici di collegamento in ambasciate complete, anche se non è stata fissata una data specifica.

Antonio Albanese