Nel Mar Nero, si muovono le prime pedine

84

TURCHIA – Istanbul 11/04/2014. Il Mar Nero è teatro di una serie di operazioni delle marine dell’Alleanza atlantica, di Russia e Ucraina.

Il cacciatorpediniere Usa Donald Cook (in apertura) e la nave da guerra elettronica francese Dupuy de Lome (in basso) sono entrate nel Mar Nero. A riportare al notizia il quotidiano turco l’11 aprile.
Secondo il comando militare degli Stati Uniti, l’invio del cacciatorpediniere Donald Cook serve a rassicurare gli alleati della NATO nella regione viste le tensioni causate dalla crisi in Ucraina.
La Uss Donald Cook è la terza nave da guerra degli Stati Uniti inviata recentemente nel Mar Nero. A febbraio 2014, gli Stati Uniti inviarono la fregata lanciamissili Uss Taylor per garantire la sicurezza per i Giochi Olimpici di Sochi.
La nave si era però arenata al largo delle coste della Turchia, e le operazioni di disincaglio avevano fatto trascorrere tutto il tempo concesso per restare nella regione nel quadro degli accordi internazionali.
A marzo 2014 , la Us Truxtun è entrata nel Mar Nero per esercitazioni congiunte con Bulgaria e Romania.
Secondo la Convenzione di Montreux sullo status dello stretto, le navi da guerra dei Paesi non rivieraschi del Mar Nero possono rimanervi per non più di 21 giorni.
Il Mar Nero è anche lo scacchiere per il rientro in possesso di Kiev delle sue navi da guerra che erano alla fonda a Sabastopoli.
Sempre l’11 aprile, la Russia ha iniziato il trasferimento della prima nave militare ucraina , riportano le fonti della Crimea. «Due rimorchiatori hanno preso in carico il lanciamissili Priluki dalla baia di Karantinnaya a Sebastopoli». Lasciato il porto di Sebastopoli, il Priluki verrà rimorchiato in acque neutrali dove verrà consegnata ai rappresentanti dell’Ucraina.
In precedenza , Vitaly Yarema , il primo vice primo ministro del governo ad interim a Kiev, non aveva dato un termine preciso per l’abbandono completo delle truppe e del materiale dalla Crimea, pur ammettendo che nulla ostava.
I colloqui tra Russia e Ucraina sui trasferimenti di materiale bellico sono centrati su l trasferimento delle forze di terra e delle attrezzature: ci sono ancora 70 navi da guerra ucraine e di altre imbarcazioni di servizio nelle acque della Crimea.