MAR NERO. La Sea Breeze 2021 inizia con salve russe sulle navi inglesi

179

Pochi giorni dopo che la Russia ha minacciato di sparare su navi militari inglesi vicino alla penisola di Crimea nel Mar Nero, l’esercitazione annuale Sea Breeze, che la sesta flotta degli Stati Uniti sta effettuando insieme alla Marina ucraina, ha preso il via il 28 giugno con molti paesi partecipanti.

Sea Breeze 21, riporta Navy Times, che continua fino al 10 luglio nella regione del Mar Nero, si concentra sulla guerra anfibia, sulla guerra di manovra terrestre, sulle operazioni di immersione, sulle operazioni di interdizione marittima, sulla difesa aerea, sull’integrazione delle operazioni speciali, sulla guerra antisommergibile e sulle operazioni di ricerca e salvataggio, secondo un comunicato stampa della Sesta flotta Usa.

Trentadue paesi da sei continenti stanno fornendo 5.000 uomini, 32 navi, 40 aerei e 18 squadre di immersione e operazioni speciali per l’esercitazione.

L’esercitazione ha preso il via solo cinque giorni dopo che la Russia ha annunciato che una delle sue navi da guerra ha sparato colpi di avvertimento e un aereo da guerra ha lanciato bombe sul percorso del cacciatorpediniere britannico Defender per allontanarlo dalle acque vicino alla città di Crimea di Sebastopoli, la principale base navale russa in Crimea.

La Gran Bretagna ha negato che ciò sia mai avvenuto, ha insistito che non ci sono stati colpi di avvertimento o bombe lanciate vicino alla sua nave e che la sua nave militare stava navigando in acque ucraine. Il ministero della Difesa russo ha detto il 23 giugno che una nave di pattuglia ha sparato colpi di avvertimento perché la Hms Defender ha ignorato un avviso contro l’intrusione e ha navigato 1,6 miglia nautiche nelle acque territoriali della Russia.

Ha poi affermato che un bombardiere russo Su-24 ha anche lanciato quattro bombe davanti alla nave per convincere il Defender a cambiare rotta. Pochi minuti dopo, il Defender ha lasciato le acque russe, ha detto il Ministero russo.

La Gran Bretagna ha insistito che la nave stava facendo un viaggio di routine attraverso una corsia di viaggio riconosciuta a livello internazionale ed è rimasta in acque ucraine. Il Regno Unito, come la maggior parte del mondo, riconosce la Crimea come parte dell’Ucraina, nonostante l’annessione della penisola da parte della Russia nel 2014.

Il primo Ministro britannico Boris Johnson non ha detto se ha approvato personalmente il viaggio del Defender, ma ha suggerito che la Royal Navy stava segnando un punto facendo quella rotta. «Il punto importante è che non riconosciamo l’annessione russa della Crimea, questa è parte del territorio ucraino sovrano», ha detto Johnson «Era del tutto giusto rivendicare la legge e perseguire la libertà di navigazione nel modo in cui abbiamo fatto, prendere la rotta più breve tra due punti, ed è quello che abbiamo fatto».

L’incidente ha segnato la prima volta dai tempi della Guerra Fredda che Mosca ha affermato di aver esploso veri colpi di avvertimento per scoraggiare una nave da guerra della Nato, sottolineando la crescente minaccia di collisioni tra mezzi militari in mezzo alle tensioni tra Russia e Occidente.

L’esercitazione Sea Breeze, iniziata nel 1997, mette insieme la maggior parte delle nazioni del Mar Nero e gli alleati e partner della Nato per addestrarsi e operare nel tentativo di costruire una maggiore capacità navale.

Le nazioni che partecipano includono: Albania, Australia, Brasile, Bulgaria, Canada, Danimarca, Egitto, Estonia, Francia, Georgia, Grecia, Israele, Italia, Giappone, Lettonia, Lituania, Moldavia, Marocco, Norvegia, Pakistan, Polonia, Romania, Senegal, Spagna, Corea del Sud, Svezia, Tunisia, Turchia, Ucraina, Regno Unito e Stati Uniti.

Anna Lotti