MAR CINESE MERIDIONALE. Per tracciare le navi USA, Pechino usa vascelli civili

96

La Cina sta aggiornando due delle sue navi civili di rifornimento nel Mar Cinese Meridionale con nuove attrezzature di sorveglianza ad alta tecnologia per aiutare le navi a tracciare le navi degli Stati Uniti, del Vietnam e di altri paesi stranieri.

Questo è solo l’ultimo caso del governo cinese che sfrutta le risorse civili per perseguire i suoi interessi di sicurezza nazionale nel Mar Cinese Meridionale, una pratica comune nella strategia cinese di “fusione militare-civile”. Il contratto per questo progetto è stato assegnato alla Zhejiang Dali Science and Technology Co., dalla città di Sansha, che è responsabile dell’amministrazione delle rivendicazioni marittime e territoriali della Cina nel Mar Cinese Meridionale.

Zhejiang Dali Science and Technology Co., che sembra lavorare anche con l’esercito cinese, dovrebbe fornire un paio dei suoi “DLS-16T Long-Distance Optoelectronic Monitoring Systems” per l’uso sulle due principali navi di rifornimento della città, la Sansha 1 e Sansha 2, per 3.830.000 yuan.

La Sansha 1 e la Sansha 2 hanno principalmente il compito di rifornire Woody Island, che è la più grande base cinese nelle Paracel e serve da quartier generale per Sansha City. Anche se le Paracel sono rivendicate da Vietnam, Cina e Taiwan, solo la Repubblica Popolare Cinese occupa qualsiasi elemento dell’arcipelago.

Ma entrambe le navi si sono anche avventurate più a sud, nelle Spratlys, dove la Cina ha dispute marittime e territoriali con Vietnam, Filippine, Malesia, Taiwan e Brunei.

Secondo Radio Free Asia, i sistemi di monitoraggio optoelettronici a lunga distanza DLS-16T di Dali sono destinati a permettere alle navi di rifornimento di «effettuare ricerche omnidirezionali, osservazione, sorveglianza e raccolta di prove video contro obiettivi marittimi e aerei» come navi, persone in mare, oggetti che galleggiano nel mare e aerei in tutte le condizioni atmosferiche, 24 ore al giorno.

La città di Sansha stava cercando un sistema di tracciamento che integrasse l’imaging a luce visibile, l’imaging termico a infrarossi, l’inseguimento automatico del bersaglio, il radar, la penetrazione della nebbia, il miglioramento dell’immagine, il sistema di navigazione satellitare Gps, e altre capacità.

Il sistema software per l’attrezzatura di tracciamento deve essere usato per rilevare, identificare e tracciare “navi sensibili” da paesi come Stati Uniti, Giappone, Filippine, Vietnam, Indonesia e Taiwan, oltre a registrare e visualizzare queste informazioni in tempo reale.

I documenti aziendali di Dali indicano che l’azienda lavora a stretto contatto con gli appaltatori della difesa cinese di proprietà statale e l’Esercito Popolare di Liberazione. Dali sarà obbligata a completare il suo lavoro su Sansha 1 e Sansha 2 entro tre mesi dalla firma del contratto con Sansha City.

Tommaso Dal Passo