MAR CINESE MERIDIONALE: Pechino testa la sua catena di comando bellica

151

La Cina ha condotto un mese di esercitazioni nel Mar Cinese Meridionale e nel Pacifico occidentale e centrale, coinvolgendo marina, forze aeree e unità missilistiche.

Queste manovre hanno testato il sistema di comando in guerra e hanno anche rafforzato le difese missilistiche di Pechino nel Mar Cinese Meridionale, riporta Scmp.

Molte delle più recenti navi da guerra cinesi hanno preso parte alle esercitazioni, come il cacciatorpediniere lanciamissili Hefei, la fregata lanciamissili Yuncheng, la nave anfibia Changbaishan e la nave rifornimento Honghu. Per simulare una situazione di guerra reale, l’esercitazione non aveva uno scenario pianificato e non è stato dato alcun preavviso, simulando sia nelle istruzioni che nelle procedure di comando una situazione di combattimento reale: «Questo addestramento ci ha permesso di approfondire la nostra conoscenza di una situazione di combattimento sistematico in mare e così migliorare le nostre capacità», recita il comunicato finale. 

Altri manovre comprendevano anche il respingimento delle navi in avanscoperta, il salvataggio con la forza e gli esercizi sul fuoco vivo. Nel corso della missione di 34 giorni, iniziata il 16 gennaio scorso, le forze comuni hanno effettuato 20 esercitazioni.

Una fonte vicina al PLA ha detto che la Forza missilistica di Pechino ha anche inviato un gruppo di comunicazione per partecipare, perché una delle esercitazioni riguardava la difesa missilistica, e anche le truppe di stanza sulle isole controllate dai cinesi nel Mar Cinese Meridionale hanno partecipato alle esercitazioni «dispiegando i missili antiaerei HQ-9 e YJ anti-nave su Woody Island su base permanente».

Woody è la più grande delle contestate Isole Paracel nel Mar Cinese Meridionale. È anche tra gli obiettivi di Taiwan e Vietnam, ma è sotto il controllo della Cina. Il PLA ha allestito posizioni missilistiche sull’isola di Woody Island, oltre a diversi altri elementi terrestri artificiali nella catena di Spratly. Le immagini satellitari hanno mostrato in precedenza lanciamissili installati su queste isole artificiali, ma da allora sono stati rimossi.

Le ultime esercitazioni sono state anche un tentativo del Pla di integrare meglio le unità convenzionali e tattiche della Rocket Force con il Southern Theatre Command, che supervisiona il Mar Cinese Meridionale.

Il Pla ha ristrutturato la sua catena di comando dal 2015.

Maddalena Ingrao