MAR CINESE MERIDIONALE. Pechino protesta: la US NAVY passa accanto a Taiwan

116

Una nave da guerra degli Stati Uniti è passata attraverso le isole Paracel nel Mar Cinese Meridionale il 20 maggio dopo aver attraversato lo stretto di Taiwan, nonostante le proteste di Pechino.

La Settima Flotta della Marina degli Stati Uniti ha detto che il cacciatorpediniere lanciamissili classe Arleigh Burke, Uss Curtis Wilbur, ha condotto operazioni di libertà di navigazione, Fonop, nelle vicinanze delle Paracel, che sono rivendicate da Pechino, Taiwan e Vietnam.

«Le rivendicazioni marittime illegali ed estese nel Mar Cinese Meridionale rappresentano una seria minaccia alla libertà dei mari, comprese le libertà di navigazione e di sorvolo, il libero scambio e il commercio senza ostacoli, e la libertà di opportunità economiche per le nazioni litorali del Mar Cinese Meridionale», si legge nella dichiarazione, ripresa da Scmp.

La Marina dell’Esercito Popolare di Liberazione della Cina ha detto che gli Stati Uniti hanno violato la sovranità marittima cinese e hanno allontanato la nave: «Ha anche seriamente danneggiato la pace e la stabilità nel Mar Cinese Meridionale», ha detto il Comando Meridionale cinese: «Il comportamento degli Stati Uniti viola il diritto internazionale e le norme fondamentali delle relazioni internazionali, aumenta i rischi per la sicurezza regionale, ed è incline a malintesi, errori di valutazione e incidenti in mare. È poco professionale e irresponsabile».

Ma gli Stati Uniti hanno detto che il cacciatorpediniere non è stato “espulso”: «La dichiarazione del Pla è l’ultima di una lunga serie di azioni cinesi per travisare le legittime operazioni marittime degli Stati Uniti e affermare le sue eccessive e illegittime rivendicazioni marittime a spese dei vicini del sud-est asiatico nel Mar Cinese meridionale (…) è in contrasto con l’adesione degli Stati Uniti al diritto internazionale e la nostra visione di una regione libera e aperta dell’Indo-Pacifico».

Il cacciatorpediniere degli Stati Uniti ha navigato nel Mar Cinese Meridionale dopo aver attraversato lo stretto di Taiwan nei giorni precedenti, in quella che gli Stati Uniti hanno detto essere una dimostrazione del loro impegno per un Indo-Pacifico libero e aperto.

Il Comando del Teatro Orientale della Cina il 19 maggio ha chiamato il passaggio dello stretto “una provocazione”, dicendo che ha inviato “segnali sbagliati” alle forze indipendentiste di Taiwan.

Mentre la nave da guerra transitava nello stretto, gli aerei di pattugliamento e ricognizione antisommergibile degli Stati Uniti e un aereo spia hanno sorvolato il Mar Cinese Meridionale, secondo l’Iniziativa per la Sperimentazione della Situazione Strategica del Mar Cinese Meridionale, di Pechino.

Antonio Albanese