MAR CINESE MERIDIONALE. Giacarta apre una base per bloccare i pescherecci di Pechino 

66

La nuova base militare indonesiana su una remota catena di isole vicino al Mar Cinese Meridionale ha lo scopo di dissuadere i pescherecci cinesi e le loro scorte della guardia costiera dall’entrare nelle acque territoriali indonesiane, nonostante Pechino stia espandendo le sue rivendicazioni marittime.

A dicembre 2018, Giacarta ha aperto la sua base nelle isole Natuna. La base, che può ospitare più di 1.000 persone, vicino al porto di Selat Lama, ha un hangar per droni e personale addestrato per qualsiasi tipo di operazione. La Camera dei Rappresentanti dell’Indonesia aveva preventivato la base nel 2016, per «assicurare il diritto sovrano del paese di sfruttare le risorse naturali della zona», riporta Jakarta Globe news.

L’Indonesia ha costruito la base per impedire alle barche cinesi di pescare all’interno della sua zona economica esclusiva e dimostrare l’effettivo controllo della catena Natuna in qualsiasi tribunale internazionale in caso di una futura controversia legale. Si aspettano che la Cina riduca le sue attività di pesca, riporta poi VoA.

La Cina oggi rivendica la maggior parte dei 3,5 milioni di chilometri quadrati del Mar Cinese Meridionale che va dalla catena Natuna al continente cinese. Pechino non rivendica le Isole Natuna, ma nel 2016 il ministero degli Esteri cinese ha citato i diritti storici per i suoi pescherecci di utilizzare le acque vicino alla catena.

Brunei, Malesia, Taiwan, Filippine e Vietnam si contendono direttamente con il governo di Pechino la sovranità sul Mar Cinese Meridionale. Nel 2016, le navi indonesiane e cinesi si sono scontrate tre volte con le navi da pesca cinesi.  

L’anno scorso l’Indonesia ha rinominato parte del tratto di Oceano conteso il Mare di Natuna del Nord, scatenando le ire di Pechino che chiama ancora quel tratto vicino al Borneo il Mar Cinese Meridionale.

La zona economica esclusiva dell’Indonesia si sovrappone alla linea a nove linee che Pechino utilizza per marcare la sua rivendicazione del Mar Cinese Meridionale.

Antonio Albanese