MAR CINESE MERIDIONALE. Gas, Natuna e strategia geopolitica

116

Il governo indonesiano non ha ancora protestato per l’incursione di una nave cinese e di due guardie costiere nella sua Zona economica esclusiva, Zee, a nord delle isole Natuna, che continua da più di tre settimane intorno a un promettente sito di esplorazione di gas naturale. Le tre navi cinesi sono state seguite da una flottiglia a rotazione di sei navi della Marina indonesiana e tre motovedette dell’Agenzia per la sicurezza marittima, Bakimla.

Il portavoce del Ministero degli Esteri Teuku Faizasyah ha detto che non poteva «né confermare né negare se ci sono scambi diplomatici tra l’Indonesia e la Repubblica Popolare Cinese su questo tema (…) Ciò che è importante per noi è che l’esplorazione nel blocco del gas non sia ostacolata», riporta Asia Times. Il Ministero degli Esteri indonesiano ha chiamato l’ambasciatore cinese Xiao Qian per interrogarlo sull’esteso esercizio di mappatura dei fondali marini, ma non sono state prese ulteriori misure nel più grave incidente da quando una nave della Guardia Costiera cinese ha ripreso un peschereccio catturato nelle acque territoriali nel 2016.

Questa vicenda si intreccia con il patto Aukus, sembra ironico per Pechino cercare il sostegno dell’Indonesia e dell’Asean per un “atto ipocrita e infido” quando continua a invadere gli spazi dei paesi vicini nel Mar Cinese Meridionale.

Ma perché è nell’interesse della Cina provocare gli indonesiani? La Haiyang Dizhi 10, con base a Guangzhao, aveva il suo sistema di identificazione automatica , AIs, attivato quando è entrata nella Zee dell’Indonesia alla fine di agosto in compagnia dei due cutter della Guardia Costiera, entrambi non identificabili da quando hanno lasciato il loro porto di origine di Yulin sull’isola di Hainan. La nave di rilevamento ha iniziato a navigare secondo una griglia, indicando che stava mappando il fondale marino vicino a dove Harbour Energy, una joint venture tra Premier Oil e la società statale russa Zarubezhneft, ha lanciato un programma di perforazione di valutazione tre mesi fa.

I cinesi hanno spesso molestato le attività di esplorazione petrolifera nelle acque rivendicate dal Vietnam e dalla Malesia, ma questa è la prima volta che si sono concentrati su un’area in cui la loro rivendicazione unilaterale di sovranità storica si insinua nel territorio marittimo indonesiano. La reazione contenuta di Jakarta sottolinea il ruolo della Cina come il più grande investitore di infrastrutture del paese e il suo ruolo di primo piano nella fusione del nichel, nelle batterie al litio e nell’industria delle auto elettriche, che promette di collegare saldamente l’Indonesia nelle catene di approvvigionamento globale.

Finora, Pechino ha solo cercato di esercitare i suoi diritti di pesca tradizionali all’interno della “linea dai nove tratti”, nonostante il concetto non sia riconosciuto dalla Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare (UNCLOS), di cui Cina e Indonesia sono entrambi firmatari.

La Noble Clyde Boudreaux, una piattaforma petrolifera malese noleggiata, ha iniziato le operazioni nel Tuna Block di Harbour Energy, 300 chilometri a nord dell’isola di Natuna, alla fine di giugno, cercando di determinare la dimensione di una risorsa che è stata scoperta circa tre anni fa. I due pozzi di valutazione sono progettati per misurare l’estensione del giacimento, che attualmente si ritiene contenga un trilione di piedi cubi di gas, ma che dovrà essere significativamente più grande di quello per essere giudicato un deposito commercialmente redditizio.

Anche allora, con un’operazione Lng fuori questione, l’unico modo per sfruttare un blocco così isolato sarà quello di far passare una conduttura di 220 chilometri a sud-ovest fino ai tre campi di West Natuna di proprietà di Premier e di due compagnie indonesiane, Medco e Star Energy, che hanno fornito gas a Singapore negli ultimi 25 anni.

È interessante notare che il suo schema di ricerca rimane confinato a un’area di 15-20 chilometri di larghezza proprio all’interno della Zee dove si trova la piattaforma, più o meno conforme all’estensione della linea a nove tratti della Cina.

Questa raffica di movimenti delle navi sembrerebbe correlata con la presenza della portaerei e 12 navi cinesi nella zona contesa delle isole Spratly-Mischief Reef tra il 5 e il 12 settembre.

Diverse navi aggiuntive della Guardia Costiera sono state recentemente trasferite dai comandi dell’Asia del Nord e dell’Asia Orientale al comando del Mar Cinese Meridionale a Hainan, dove i cinesi hanno recentemente ampliato la loro base navale per includere sottomarini nucleari.

La Guardia Costiera cinese è la più grande del mondo, comprende 130 grandi imbarcazioni di pattugliamento, più di 20 imbarcazioni d’assalto veloce e 400 barche di pattugliamento costiero, con la missione principale di far rispettare le rivendicazioni di sovranità della Cina, di concerto con la milizia marittima delle forze armate del popolo. Le navi più grandi sono armate con un cannone a fuoco rapido da 76 mm, due armi secondarie, due cannoni antiaerei gemelli e un assortimento di mitragliatrici pesanti.

Queste tattiche coercitive diventano ancora più preoccupanti alla luce della nuova legge della Guardia Costiera cinese, approvata lo scorso gennaio, che permette “tutti i mezzi necessari” per fermare le navi straniere, compreso l’uso delle armi di bordo nel territorio percepito come proprio.

Luigi Medici