Manovre di avvicinamento tra Azerbaigian e Italia

68

Il ministro azero dell’Industria e dell’Energia Natig Aliyev ha incontrato a Baku il Vice Ministro degli Esteri italiano Marta Dassù ed il Vice Ministro dello Sviluppo Economico Claudio De Vincenti per discutere la cooperazione tra i due paesi in vari settori.

Al centro del dibattito il settore petrolifero e quello del gas naturale. Tale incontro è motivato anche dal fatto che il 25% delle esportazioni azere sono dirette in Italia, divenuto quindi uno dei migliori partner commerciali del paese. Durante l’incontro Natig Aliyev ha informato la delegazione italiana circa l’oleodotto Trans-Anatolia e sui gasdotti che dall’Azerbaijan permettono di far confluire il gas azero in Europa. Il ministro ha confermato l’intento dell’Azerbaigian di continuare a contribuire ed a garantire la sicurezza energetica dell’Europa come avvenuto in passato con il fine di acquisire un numero sempre maggiore di partner commerciali europei. Nel dicembre 2011 l’Azerbaigian e la Turchia hanno firmato un memorandum d’intesa per la fondazione di un consorzio avente il compito di costruire un gasdotto capace di fornire gas naturale dal giacimento di Shah Deniz verso l’Europa attraverso la Turchia. Nel febbraio del 2012 è stato approvato dal consorzio l’esportazione di gas verso l’Italia tramite la Trans-Gas Pipeline (TAP) grazie alla firma di un accordo di cooperazione.