MALI. Un patto per sciogliere le tensioni tra Yomoussoukro e Bamako

92

Negli ultimi capitoli delle relazioni tese tra Mali e Costa d’Avorio, il Mali ha condannato a 20 anni di carcere 46 soldati della Costa d’Avorio per aver complottato contro il governo e altri 3 sono stati rilasciati lo scorso settembre.

La magistratura ha accusato i soldati di “attaccare e complottare contro il governo”, “minare la sicurezza esterna dello Stato” e “detenere, portare e trasportare armi e munizioni per la guerra o la difesa con l’obiettivo di disturbare l’ordine pubblico attraverso l’intimidazione”.

In una seconda sentenza, il tribunale ha anche condannato, in contumacia, alla pena di morte, oltre a 10 milioni di euro di multa, i tre soldati ivoriani rilasciati a settembre.

Quarantanove soldati ivoriani sono stati arrestati all’aeroporto di Bamako, capitale del Mali, a luglio, e tre di loro sono stati successivamente rilasciati. L’arresto ha scatenato una querelle diplomatica tra i due Paesi confinanti e una diffusa condanna da parte degli alleati regionali.

Il consiglio militare al governo del Mali ha descritto i soldati come mercenari, mentre la Costa d’Avorio ha affermato che facevano parte di una missione di mantenimento della pace delle Nazioni Unite.

Il 23 dicembre dopo lunghe trattative Bamako e Yamoussoukro hanno firmato un memorandum che servirà come base per un esito positivo del rilascio di 46 soldati ivoriani.

Una delegazione ivoriano-togolese guidata dal Ministro della Difesa ivoriano è stata ricevuta in udienza questo giovedì a Bamako dal Presidente della Transizione e poi estesa al Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale del Mali e al Ministro di Stato, Ministro dell’Amministrazione Territoriale e del Decentramento, Colonnello Abdoulaye Maiga.

«Come sapete, alcuni mesi fa c’è stato un malinteso tra la Repubblica del Mali e la Repubblica della Costa d’Avorio. È stato bello potersi incontrare per parlarne. È quello che abbiamo fatto con i nostri fratelli maliani e il Presidente Assimi Goïta ci ha fatto l’onore di riceverci per trasmettergli il messaggio del Presidente Alassane Ouattara», ha dichiarato alla stampa Téné Birahima Ouattara, Ministro della Difesa ivoriano, lasciando l’incontro. «L’incontro si è svolto in uno spirito fraterno e di comprensione reciproca», ha aggiunto.

Abdoulaye Diop, ministro maliano degli Affari esteri, ha dichiarato che «da diversi mesi siamo in questo esercizio di discussioni, di dialogo, perché fin dall’inizio la nostra azione il presidente Goïta ha indicato questo spiacevole incidente che ha reso le relazioni tra il Mali e la Costa d’Avorio difficili da superare, noi preferiamo la via del dialogo, la via diplomatica per trovare una soluzione». Questo, ha ribadito, nonostante il caso sia stato portato in tribunale.

Il diplomatico maliano ha inoltre sottolineato che «dal loro arrivo abbiamo potuto constatare la volontà di entrambe le parti di lavorare per superare questo evento preservando i legami che esistono tra i nostri Paesi».

«L’atto che abbiamo appena preso è importante, va al di là di questo malinteso, abbiamo pensato che fosse necessario privilegiare e rafforzare i legami di buon vicinato e di amicizia tra il Mali e la Costa d’Avorio. Questo è ciò che dobbiamo ricordare in primo luogo. In secondo luogo, abbiamo parlato del caso dei 46 soldati e, come ha detto il Ministro Diop, è una questione che si sta risolvendo», ha dichiarato Téné Birahima Ouattara, ministro di Stato ivoriano, Ministro della Difesa.

Il ministro degli Affari Esteri del Togo, paese mediatore nel caso dei soldati ivoriani, ha accolto con favore questo avvicinamento delle posizioni delle due parti.

“Siamo felici come rappresentante della mediazione del Presidente della Repubblica del Togo, testimone e co-firmatario dell’impegno che le parti maliane e ivoriane hanno preso questa sera qui a Bamako.

Tommaso Dal Passo

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/