Mali, un affare di guerra da 400 milioni di euro

48

FRANCIA – Parigi. 26/06/13. Il costo dell’intervento militare francese in Mali supererà i 400 milioni di euro a fine anno, a darne notizia ieri a Parigi  il Capo di Stato maggiore, Edouard Guillaud. Secondo la fonte, a maggio la Francia aveva già speso 300.000.000 € nel cosiddetto Serval Operazione in Mali.

Nel territorio del Mali vicino 3.500 militari sono coinvolti nell’intervento e le spese annuali per ogni uomo è vicino a 100.000 €, ha detto il capo di Stato maggiore. Quando gli è stato chiesto se una base militare stava per essere stabilito in Mali, Guillaud ha respinto l’idea anche se ha confermato la presenza di distacchi per l’istruzione e l’assistenza militare. Nel marzo scorso, il co-presidente dell’Ala sinistra del partito ed ex candidato presidenziale, Jean-Luc Mélenchon, ha criticato l’intervento militare in Mali e l’enorme costo di una guerra in tempo di grave crisi economica.  A parere di Mélenchon, la Francia protegge i suoi interessi nella regione, in particolare l’estrazione di uranio usato nelle centrali nucleari francesi.